Passa ai contenuti principali

Dalla Nanoarte al progetto SMART Collective.

Dalla Nanoarte al progetto SMART Collective.
Passione per la scienza attraverso l’arte e passione per l’arte attraverso la scienza

A cura di Spazio Ferramenta
ospiti: Alessandro Scali e SMART Collective
...
Spazio Ferramenta propone un nuovo incontro-evento: ancora una volta l’indagine estetica si spinge verso nuove frontiere e mescola linguaggi differenti. A confrontarsi nell’appuntamento di martedì 15 marzo, saranno arte, scienza, filosofia e musica: elementi costitutivi della ricerca artistica dello SMART Collective.





L’artista Alessandro Scali presenterà le opere di Nanoarte realizzate con Robin Goode e il nuovo progetto SMART Collective, accompagnando il pubblico alla scoperta di strumenti dalle infinite potenzialità e dalle rivoluzionarie modalità espressive.
Il risultato? La possibilità di esplorare, attraverso il lavoro di pionieri tecnologici, nuovi paradigmi estetici e nuovi punti di vista.
Ma cos’è la nanoarte? Nan°arte è il superamento di una frontiera, di un confine, di una necessità: quella dell’arte visibile e percepibile dall’occhio umano. Gioca sul paradosso filosofico di esporre idee, concetti e opere invisibili, ma non per questo inesistenti o irreali. Lo SMART (Scienze Meets Art) Collective propone all’arte e ai suoi fruitori la sfida di un futuro transdisciplinare attraverso la glorificazione dell’organo che più di ogni altro permette di “vedere”: il cervello. Come Einstein, credono che l’arte sia espressione del pensiero più profondo nel modo più semplice.


Lo SMART Collective nasce dalla collaborazione tra l’artista Alessandro Scali e un team di dottorandi del Politecnico di Torino: Alessandro Chiolerio, Gabriele Maccioni, Samy Strola, Giancarlo Canavese e Giacomo Piacenza, coordinati dal Prof. Fabrizio Pirri, team leader del Chilab specializzato in micro e nanotecnologie.
Le opere d’arte realizzate in scala micro e nanometrica rappresentano il superamento di un limite, di un confine, di una necessità: quello dell’arte visibile a occhio nudo. La Nanoarte gioca sul paradosso di esporre opere inaccessibili all’occhio umano ma non per questo inesistenti o irreali.
Il successo di questa radicale forma d’espressione artistica è testimoniato non solo dalle diverse mostre nazionali e internazionali (tra tutte, la partecipazione alla Biennale di Siviglia di Arte Contemporanea nel 2008), ma anche dalle innumerevoli conferenze in Italia, Europa e Canada tenute dai diversi componenti del gruppo, un articolo pubblicato su Nature e il catalogo “Nanoarte” edito da Skira.
Dopo anni di attività sotto l’etichetta Nanoarte, il gruppo ha sentito l’esigenza di un’evoluzione, di un cambiamento per evitare di etichettare la propria attività artistica e divulgativa con una forma di espressione artistica. Per dare pari dignità tanto al lato artistico che a quello scientifico, il team di lavoro ha trovato una forma di collaborazione – e un nome-ombrello per tutti i componenti del progetto - che tende ad ampliare l’ambito della ricerca non solo al rapporto tra arte contemporanea e nanotecnologia, ma anche alle scienze della vita e alla musica, enfatizzando le proprie competenze in ambito comunicativo e divulgativo sia per gli aspetti artistici, sia per quelli tecnologici. Nasce così un collettivo artistico e divulgativo aperto alle nuove forme di collaborazione tra arte e scienza: lo SMART COLLECTIVE.

Approfondimenti:
http://www.nanoarte.it/
http://smartcollectiveit.wordpress.com/


Ferramenta
Situato in uno dei quartieri più dinamici di Torino, inaugurato meno di due mesi fa Ferramenta si è configurato da subito come uno spazio culturale vivace e frequentato. Si alternano mostre, reading, performance artistiche e teatrali accomunate da un unico obiettivo: realizzare proposte culturali di qualità coinvolgendo di volta in volta artisti di diversa provenienza. Si riempie, si svuota, si modifica per dar spazio a interventi site-specific, performance ed eventi di breve o lunga durata. Ferramenta è un spazio underground, uno spazio insolito per appuntamenti insoliti, il luogo del dubbio e della discontinuità nel quale le certezze possono essere messe in discussione.
Spazio ferramenta, dopo aver ospitato il teatro con Marta Cuscunà, l’arte contemporanea con Silvia Giambrone, le sperimentazioni musicali con Roberto Giuliano, Ramon Moro e Alessandro Sciaraffa, si conferma un progetto culturale attento alle più recenti ricerche espressive e offre al proprio pubblico una serata sulla contaminazione tra arte e scienza.

Post popolari in questo blog

SPAZIO FERRAMENTA

Spazio Ferramenta è un progetto culturale indipendente che coinvolge un gruppo di cinque persone, la cui direzione artistica è a cura di Raffaella Bassi, affiancata da Francesca Arri e Verdiana Oberto.
Ferramenta è uno luogo già esistente la cui identità è mutata negli anni. Oggi è la sede privilegiata da Spazio Ferramenta, trasformata in spazio indipendente ove viene promossa la sperimentazione artistica e la contaminazione tra linguaggi contemporanei, mescolando gli ingredienti del nutrimento culturale.
Nell’attuale panorama sociale - caratterizzato da forti separazioni di gruppo che esaltano le categorizzazioni, gli arroccamenti e i contrasti -Spazio Ferramenta lancia un ribaltamento di prospettive basato sul confronto interdisciplinare. Laddove coesisteranno sguardi trasversali, contaminazioni e commistioni, lì si potranno generare nuove riflessioni. Spazio Ferramenta esplora i confini tra diverse narrazioni e, sulla sottile linea di separazione tra un linguaggio e un altro, costruis…

CHI SIAMO

Raffaella Bassi (Cividale del Friuli, 1974) 
Laureata in Conservazione dei Beni Culturali con master di Management dei Beni Culturali e Ambientali, attualmente segue la comunicazione in una istituzione museale torinese. Co-fondatrice e direttore artistico di Spazio Ferramenta.

Francesca Arri, (Asti 1983) 
Performer e artista visiva, laureata all’Accademia Albertina, La sua opera parte dall'azione dal vivo per arrivare alla ricerca e promozione di artisti e ricercatori nell'ambito dell'arte, della musica e della cultura contemporanea. Il suo lavoro è stato presentato in importanti vetrine internazionali tra cui Fondazione Hangar Bicocca, Milano, Fondazione Merz, Torino, Matadero-Madrid, Tel Aviv Museum of Art, 12th Istanbul Biennale, White Box Gallery New York, CAPA New York, E-Flux New York in collaborazione con Serpentine Gallery Londra, Kopfbau Basilea, Inter Art Gallery Pechino, Uninghen Berlino/Londra, Mart Dublino, Centro Cultural MAC Montevideo, Museo de las Mujeres Cor…

Spazio Ferramenta presenta: ALTROVE

Spazio Ferramenta
ALTROVE



Rebecca Agnes | Emanuele Basile | Elisabetta Quaglia

per Fo.To Fotografi a Torino del Museo Ettore Fico

Dal 3 maggio 2018 al 15 maggio 2018
Il viaggio ti porta altrove, è qualcosa di avventuroso e intimo. Spesso segna un cambiamento e quando ha termine ti lascia in qualche modo diverso: libero, consapevole e cresciuto.

La fotografia diventa il mezzo del racconto. Una forma di storyboard esistenziale, a cui ognuno è legato ad un proprio universo sensibile. I fotografi sono fruitori di storie, a volte le nostre altre le loro, la differenza è così sottile tanto da non distinguersi più lasciandoci coinvolgere dai loro racconti.

Il progetto tesse il filo di tre racconti in cui gli spettatori sono invitati a percorrerne la storia insieme all'autore. Si passerà dall'architettura fredda e metropolitana di Berlino tanto amata da Rebecca Agnes, ai caldi colori dell'India riportati da Emanuele Basile per poi ritrovarsi in quella che sembra un atmosfera famil…