Passa ai contenuti principali

24 gennaio 2010 ore 21.30

Preview di inaugurazione: 24 gennaio 2010 ore 21.30
Ospite d’eccezione: Marta Cuscunà.
Le attività di Ferramenta prenderanno il via dal prossimo 1° febbraio.

In attesa dell’inaugurazione e in occasione delle celebrazioni della Giornata della Memoria,
Ferramenta ospita una riduzione teatrale di “È bello vivere liberi di Marta Cuscunà.

Lo spettacolo teatrale, già vincitore del Premio Scenario per Ustica 2009, è ispirato alla biografia di Ondina, prima staffetta partigiana d’Italia, deportata ad Auschwitz.
Interamente ideato, scritto, interpretato da Marta Cuscunà, lo spettacolo è considerato da critici e giornalisti come uno dei più importanti lavori di teatro civile degli ultimi anni:
“…la vita di Ondina è un'onda che investe gli spettatori e li lascia alla fine scossi, grati alla piccola Marta, sua reincarnazione, di averla conservata intatta e vivida, in uno degli spettacoli più toccanti ed entusiasmanti di questa stagione”. (Roberto Canziani)

È bello vivere liberi” è uno spettacolo che affascina e strazia, suggerendo emozioni contrastanti: ottimismo e pessimismo, amore e odio, sorrisi e lacrime. La forte presenza scenica della bravissima Cuscunà è accompagnata da originali compagni d’avventura, provenienti dal teatro di figura, solitamente protagonisti del teatro ragazzi, ma sapientemente portati in una rappresentazione per adulti:
“I pupazzi introducono la poesia proprio nel momento in cui si narra il momento di maggiore aberrazione a cui è giunta la civiltà umana. Da questo estremo atto di straniamento, lo spettatore viene catapultato nell’inferno e nella violenza asettica di Auschwitz. I pupazzi, i burattini, questi attori insoliti, dalla potente presenza scenica e dalle infinite capacità espressive, si affermano come possibili protagonisti non solo del teatro per ragazzi, ma anche di quello “per adulti”. (Ilaria Liberatore).

Al termine dello spettacolo Cuscunà dialogherà con Antonio Calliano, operatore teatrale di Controluce Teatro d'Ombre, in una chiacchierata che coinvolgerà anche il pubblico.

Ingresso libero fino a esaurimento posti.
È preferibile prenotare inviando una mail a spazioferramenta@gmail.com

FERRAMENTA
via bellezia, 8g
torino

Post popolari in questo blog

Spazio Ferramenta arriva a NY

INTIMATE TRANSGRESSIONS PROJECT INTERNATIONAL CONTEMPORARY ART EXHIBITION
presenta il video della performance  A pièce of paper 
di Francesca ArrieGao Yuan a cura di Sara Bortoletto Spazio Ferramenta



La mostra, che inaugurerà il 3 settembre 2015 a New York City, curata da Fion Gunn in collaborazione con Juan Puntes e presentata da CAPA (Center for Asian Pacific Affairs) e WhiteBox, trae spunto dal concetto di 'Comfort Women ' durante e dopo la seconda guerra mondiale. Alla vigilia del 70 ° anniversario della fine della guerra, il progetto di arti visive newyorchese si sviluppa lungo tutto il Novecento e l'inizio del nuovo millennio andando ad indagare, su un piano più ampio, la violenza contro le donne in tutto il mondo.
Maggiori INFO sul sito dedicato alla mostra
L'esposizione approderà a Beijing il 25 ottobre e a Shanghai il 21 novembre 2015



A Pièce of Paper

Spazio Ferramenta
presenta 
A pièce of paper
Perfomance di Francesca Arri e Gao Yuan
A cura di Sara Bortoletto e Spazio Ferramenta


4 novembre 2014, a partire dalle ore 19.30 















“ [...]il difficile e il facile si completano l'un l'altro;  l'alto e il basso si invertono l'un l'altro;  i suoni e la voce si armonizzano l'un l'altro;  il prima ed il dopo si seguono l'un l'altro”. Laozi, Daodejing, capitolo II 

Spazio Ferramenta, per l’appuntamento che si inserisce nel ricchissimo calendario della settimana torinese dedicata all’Arte Contemporanea, allarga la rete delle collaborazioni coinvolgendo giovani curatori e artisti internazionali. 

DOPODICHE' Stasera mi butto

Spazio Ferramenta per il Torino Fringe Festival
presenta DOPODICHE' Stasera mi butto

Generazione Disagio - Milano
dal 3 al 6 maggio ore 21 dal 7 all'11 maggio ore 19.30
via Bellezia 8g (ingresso dal ristorante Sibiriaki)
Di e con: Enrico Pittaluga, Graziano Sirressi, Alessandro Bruni Ocaña, Luca Mammoli Regia: Riccardo Pippa
Scene e Locandine: Duccio Mantellassi e Niccolò Masini

La vita è dura, c'è la crisi, c'è lo spread. E allora cosa ci rimane? Il suicidio? Si! Gioca anche tu a DOPODICHE': riversa i tuoi problemi su un personaggio e portalo al suicidio

Sappiamo chi sei. Tu sei un disagiato. Lo sai tu e lo sappiamo anche noi. Sappiamo quante energie sprechi per non farlo vedere. Fratello disagiato, basta. Il disagio non è un ostacolo sulla strada, il disagio è la strada. Non cercare di cambiare te stesso. Non cercare di apparire migliore. Accettati come sei: pigro, inetto, inconcludente, dispersivo, vile. Noi ti vogliamo bene così. Non preoccuparti: elimineremo assieme ogni sen…