Passa ai contenuti principali

Gian Luca Favetto feat. Domenico Castaldo, Ramon Moro, Carlo Vidoni


“Se dico radici dico storie”
di Gian Luca Favetto

ambientazione vocale: Domenico Castaldo e Laboratorio di ricerca sull’arte dell’attore
ambientazione musicale: Ramon Moro
Installazioni: Carlo Vidoni
In collaborazione con Libreria Therese
                          Martedì 15 novembre ore 21
ACCESSO LIBERO FINO ESAURIMENTO POSTI,
PRENOTAZIONI ENTRO LE ORE 18 DEL 15 NOVEMBRE INVIANDO MAIL:




“Le vite sono fatte di storie più che di atomi e ciascuno ha le sue,
ciascuno è le sue storie. Le diventa. Quando si dice radici, si dice storie”.

Tre grandi nomi, tre linguaggi culturali, tre ricerche differenti che si con-fondono per dar vita a una riflessione che, lieve, entra in ognuno.
Punto di partenza l’ultimo libro di Gian Luca Favetto “Se dico radici dico storie” dato alle stampe a luglio per i tipi Laterza (collana Contromano).

Favetto ha abituato il proprio pubblico a incontri e reading unici, che mai si ripetono, diversi come lo sono i contesti, ideati un po’ per caso e un po’ per passione con il supporto di professionisti amici che volentieri si prestano alla sperimentazione.
Così è stato per Spazio Ferramenta, luogo scelto dall’autore per ospitare la presentazione torinese.

Martedì 15 novembre (entrata libera fino ad esaurimento posti, prenotazione consigliata), Gian Luca Favetto sarà supportato da un’inedita ambientazione sonora costruita dall’improvvisazione vocale del Laboratorio Permanente di Ricerca sull’Arte dell’Attore di Domenico Castaldo e dalla sonorizzazione di Ramon Moro (tromba e flicorno). Cori e note saranno la geografia per le parole dello scrittore.
In “Se dico radici dico storie” l’autore, attraverso un racconto autobiografico, si interroga sul concetto di radici, di identità, di viaggio. Attraverso la narrazione, le radici di ognuno diventano dinamiche, mutano, partono dal passato e definiscono il futuro, vivono e si modificano in base alla storia personale, alle esperienze, alle scelte, ai fatti.

Giocando come sempre sulle connessioni e lo scambio di vedute, il comitato curatoriale di Spazio Ferramenta ha scelto di affidare l’interpretazione del tema proposto nel libro a un artista contemporaneo: Carlo Vidoni, scultore friulano il cui lavoro è stato esposto in gallerie e musei, ma mai presentato a Torino. Suo l’allestimento della serata e quello della vetrina di Spazio Ferramenta OFF, sita in via San Domenico 7, dal 15 novembre al 6 gennaio 2012.

Info e bio:
_Gian Luca Favetto è scrittore e giornalista. Collabora con “La Repubblica”, è critico cinematografico e drammaturgo, ha ideato il progetto Interferenze fra la città e gli uomini, www.interferenze.to.it , conduce programmi su RadioRai. Gli ultimi libri sono: Italia provincia del Giro e La vita non fa rumore (Mondadori), Le stanze di Mogador (Verdenero), le poesie Mappamondi e corsari (Interlinea), il racconto Diventare pioggia (Manni) e l’audiolibro I nomi fanno il mondo (Il Narratore). A luglio 2011 è uscito “Se dico radici dico storie”.
“Se dico radici dico storie”, Editori Laterza, 2011
Le vite sono fatte di storie più che di atomi e ciascuno ha le sue, ciascuno è le sue storie. Le diventa. Quando si dice radici, si dice storie.
«Uno coltiva il suo giardino di cose memorie pensieri dubbi curiosità e se lo porta dietro, sempre dietro – anche il più metropolitano degli uomini –, dietro e dentro. Lo porta in viaggio con sé. È il suo zaino, la sua valigia. Lì custodisce le proprie radici. Ogni tanto le bagna. Ogni tanto le fa respirare. Fa loro vedere il mondo. Le adopera come polpastrelli. È con le radici che incontri il mondo, con ciò che le radici producono.»
Favetto racconta radici che si diramano nello spazio e nel tempo: nascono da un torrente, da un campo di calcio, da una pagina scritta, da uno schermo cinematografico. Partono dal Vietnam e ci portano in una valle piemontese, a Venezia, a Benares, a Madrid, in Giappone.

_Il laboratorio permanente di Ricerca sull’Arte dell’Attore di Domenico Castaldo è un centro di produzione di eventi teatrali, ricerca sui linguaggi dell’arte dell’attore, e formazione di attori. Dodici anni di attività e di ricerca ininterrotta sui suddetti campi collocano il Laboratorio permanente tra gli esempi di più alta professionalità teatrale in Italia ed all’estero. http://www.laboratoriopermanentedicastaldo.it/

_Ramon Moro Trombettista decisamente singolare, con un’impronta stilistica di confine, individuabile in ogni occasione e collaborazione per il suono visionario e immaginifico. A rafforzare il suo stile, l’uso dell’elettronica analogico collegata a un piccolo amplificatore a valvole, che permette di trasformare le timbriche dello strumento a fiato in modo originalissimo e imprevedibile. Ha pubblicato di recente in freedownload il primo album in solo magma per la netlabel Nephogram. È fondatore di 3quietmen con il contrabbassista Federico Marchesano e Dario Bruna alla batteria. Recentissima la doppia performance Ramon Moro vs Richi Ferrero Light Masks a Palazzo Chiablese in occasione di Luci d’Artista. http://www.ramonmoro.com/

_Carlo Vidoni La sua ricerca artistica da anni si muove nel territorio della sperimentazione scultorea, condotta attraverso l’uso di molteplici materiali. Dalla necessità di documentare visivamente le sculture ultimate, nasce l’utilizzo della fotografia che, in breve, diventa percorso di ricerca autonomo e parallelo. Finalità della sua ricerca artistica è la riflessione sulla condizione esistenziale dell’uomo contemporaneo e sul rapporto civiltà-natura.  http://www.carlovidoni.it/


Ufficio Stampa, info e prenotazioni:
Spazio Ferramenta

Post popolari in questo blog

SPAZIO FERRAMENTA

Spazio Ferramenta è un progetto culturale indipendente che coinvolge un gruppo di cinque persone, la cui direzione artistica è a cura di Raffaella Bassi, affiancata da Francesca Arri e Verdiana Oberto.
Ferramenta è uno luogo già esistente la cui identità è mutata negli anni. Oggi è la sede privilegiata da Spazio Ferramenta, trasformata in spazio indipendente ove viene promossa la sperimentazione artistica e la contaminazione tra linguaggi contemporanei, mescolando gli ingredienti del nutrimento culturale.
Nell’attuale panorama sociale - caratterizzato da forti separazioni di gruppo che esaltano le categorizzazioni, gli arroccamenti e i contrasti -Spazio Ferramenta lancia un ribaltamento di prospettive basato sul confronto interdisciplinare. Laddove coesisteranno sguardi trasversali, contaminazioni e commistioni, lì si potranno generare nuove riflessioni. Spazio Ferramenta esplora i confini tra diverse narrazioni e, sulla sottile linea di separazione tra un linguaggio e un altro, costruis…

CHI SIAMO

Raffaella Bassi (Cividale del Friuli, 1974) 
Laureata in Conservazione dei Beni Culturali con master di Management dei Beni Culturali e Ambientali, attualmente segue la comunicazione in una istituzione museale torinese. Co-fondatrice e direttore artistico di Spazio Ferramenta.

Francesca Arri, (Asti 1983) 
Performer e artista visiva, laureata all’Accademia Albertina, La sua opera parte dall'azione dal vivo per arrivare alla ricerca e promozione di artisti e ricercatori nell'ambito dell'arte, della musica e della cultura contemporanea. Il suo lavoro è stato presentato in importanti vetrine internazionali tra cui Fondazione Hangar Bicocca, Milano, Fondazione Merz, Torino, Matadero-Madrid, Tel Aviv Museum of Art, 12th Istanbul Biennale, White Box Gallery New York, CAPA New York, E-Flux New York in collaborazione con Serpentine Gallery Londra, Kopfbau Basilea, Inter Art Gallery Pechino, Uninghen Berlino/Londra, Mart Dublino, Centro Cultural MAC Montevideo, Museo de las Mujeres Cor…

Spazio Ferramenta presenta: ALTROVE

Spazio Ferramenta
ALTROVE



Rebecca Agnes | Emanuele Basile | Elisabetta Quaglia

per Fo.To Fotografi a Torino del Museo Ettore Fico

Dal 3 maggio 2018 al 15 maggio 2018
Il viaggio ti porta altrove, è qualcosa di avventuroso e intimo. Spesso segna un cambiamento e quando ha termine ti lascia in qualche modo diverso: libero, consapevole e cresciuto.

La fotografia diventa il mezzo del racconto. Una forma di storyboard esistenziale, a cui ognuno è legato ad un proprio universo sensibile. I fotografi sono fruitori di storie, a volte le nostre altre le loro, la differenza è così sottile tanto da non distinguersi più lasciandoci coinvolgere dai loro racconti.

Il progetto tesse il filo di tre racconti in cui gli spettatori sono invitati a percorrerne la storia insieme all'autore. Si passerà dall'architettura fredda e metropolitana di Berlino tanto amata da Rebecca Agnes, ai caldi colori dell'India riportati da Emanuele Basile per poi ritrovarsi in quella che sembra un atmosfera famil…