Passa ai contenuti principali

Cartoline Teatrali e le "parole contratte"

Cartoline Teatrali (Chiara Lombardo e Giulia Menegatti) registe e performer teatrali, protagoniste della serata Torino culturale? hanno risposte alle nostre domande di "parole contratte".


Spazio Ferramenta: L'anticonformismo è l'altra faccia del conformismo. Cosa caratterizza il tuo tempo e come ti relazioni con il pensiero dominante?
Cartoline Teatrali: Il tempo delle Cartoline Teatrali, così come il tempo in cui ha preso forma Tavola26, è caratterizzato dalla “fantasticheria”, dalla fretta e dalla voglia continua di farci venire in mente cose nuove: nuovi spettacoli che vorremmo realizzare, nuovi modi teatrali per parlare di oggi, per dire basta ad un momento difficile.
Ci piace quel tempo della creazione che è un tempo di scardinamento della realtà e di riflessione sulla realtà stessa: un tempo fatto di momenti in cui uscire dal cerchio, dal pensiero omologato e gridare. Gridare non “per essere contro a tutti i costi” ma per provare a smuovere qualcosa.

SF: Il pensiero contemporaneo. Eppur si muove! Nonostante la crisi, nonostante la politica, nonostante i tempi che corrono, nonostante… Ci segnali un’iniziativa, un’opera, una mostra che “crea pensiero”? Oppure consigliaci un libro appena pubblicato, un articolo recente, un film da vedere nelle sale.
CT : Si muovono tante cose per fortuna!
A Padova in questo periodo si può visitare una libreria specializzata nell'illustrazione per l'infanzia. Esposte tra i libri, accessibili anche ai bambini, ci sono tavole originali di due bravissime illustratrici italiane con accanto poesie sui temi più disparati. L'evento si chiama Primavera Poetica ed è un modo nobile e allo stesso tempo semplice per avvicinare il pubblico, anche in miniatura, all'arte.
Ma ce ne sarebbero davvero molte di cose da vedere, da tenere sott'occhio.
Ad esempio, a metà tra l'illustrazione e la musica, ci teniamo a segnalare anche un progetto tutto torinese. Sono i “disegni musicali” di Matteo Negrin e per farvi un'idea potete dare un'occhiata qui...
Certamente muovono e smuovono qualcosa.

SF: Featuring. Hai in mente il progetto ideale, ma ti serve un collaboratore con competenze diverse dalle tue. Con chi sceglieresti di lavorare?
CT.Mille e più persone...coreografi, videomakers, musicisti...Vorremmo poter lavorare con le figure artistiche più disparate, per conoscere, imparare, condividere. E, se si potesse, invocheremmo con una seduta spiritica Andy Warhol.

Post popolari in questo blog

A Pièce of Paper

Spazio Ferramenta
presenta 
A pièce of paper
Perfomance di Francesca Arri e Gao Yuan
A cura di Sara Bortoletto e Spazio Ferramenta


4 novembre 2014, a partire dalle ore 19.30 















“ [...]il difficile e il facile si completano l'un l'altro;  l'alto e il basso si invertono l'un l'altro;  i suoni e la voce si armonizzano l'un l'altro;  il prima ed il dopo si seguono l'un l'altro”. Laozi, Daodejing, capitolo II 

Spazio Ferramenta, per l’appuntamento che si inserisce nel ricchissimo calendario della settimana torinese dedicata all’Arte Contemporanea, allarga la rete delle collaborazioni coinvolgendo giovani curatori e artisti internazionali. 

Spazio Ferramenta arriva a NY

INTIMATE TRANSGRESSIONS PROJECT INTERNATIONAL CONTEMPORARY ART EXHIBITION
presenta il video della performance  A pièce of paper 
di Francesca ArrieGao Yuan a cura di Sara Bortoletto Spazio Ferramenta



La mostra, che inaugurerà il 3 settembre 2015 a New York City, curata da Fion Gunn in collaborazione con Juan Puntes e presentata da CAPA (Center for Asian Pacific Affairs) e WhiteBox, trae spunto dal concetto di 'Comfort Women ' durante e dopo la seconda guerra mondiale. Alla vigilia del 70 ° anniversario della fine della guerra, il progetto di arti visive newyorchese si sviluppa lungo tutto il Novecento e l'inizio del nuovo millennio andando ad indagare, su un piano più ampio, la violenza contro le donne in tutto il mondo.
Maggiori INFO sul sito dedicato alla mostra
L'esposizione approderà a Beijing il 25 ottobre e a Shanghai il 21 novembre 2015



The beat of freedom - M. Cuscunà