Passa ai contenuti principali

Studio Visit

Studio Visit è un progetto nel progetto generale di Spazio Ferramenta .
Per due settimane Ferramenta viene “consegnata” a un artista emergente, selezionato dal comitato curatoriale. Di volta in volta, giovani talenti ancora sconosciuti verranno presentati al pubblico e avranno la possibilità di realizzare un proprio progetto di mostra.

Un programma che rappresenta una sfida tanto per i curatori quanto per gli artisti: i primi chiamati a selezionare le giovani proposte e a costruire con loro progetti ad hoc; i secondi invitati a sperimentarsi dal punto di vista professionale. Il progetto nasce dalla volontà di Spazio Ferramenta di offrire l’opportunità a studenti e artisti non ancora affermati di crescere e di farsi conoscere.
Primo appuntamento con Corinna Gosmaro dal 7 al 20 giugno.

Post popolari in questo blog

A Pièce of Paper

Spazio Ferramenta
presenta 
A pièce of paper
Perfomance di Francesca Arri e Gao Yuan
A cura di Sara Bortoletto e Spazio Ferramenta


4 novembre 2014, a partire dalle ore 19.30 















“ [...]il difficile e il facile si completano l'un l'altro;  l'alto e il basso si invertono l'un l'altro;  i suoni e la voce si armonizzano l'un l'altro;  il prima ed il dopo si seguono l'un l'altro”. Laozi, Daodejing, capitolo II 

Spazio Ferramenta, per l’appuntamento che si inserisce nel ricchissimo calendario della settimana torinese dedicata all’Arte Contemporanea, allarga la rete delle collaborazioni coinvolgendo giovani curatori e artisti internazionali. 

Spazio Ferramenta arriva a NY

INTIMATE TRANSGRESSIONS PROJECT INTERNATIONAL CONTEMPORARY ART EXHIBITION
presenta il video della performance  A pièce of paper 
di Francesca ArrieGao Yuan a cura di Sara Bortoletto Spazio Ferramenta



La mostra, che inaugurerà il 3 settembre 2015 a New York City, curata da Fion Gunn in collaborazione con Juan Puntes e presentata da CAPA (Center for Asian Pacific Affairs) e WhiteBox, trae spunto dal concetto di 'Comfort Women ' durante e dopo la seconda guerra mondiale. Alla vigilia del 70 ° anniversario della fine della guerra, il progetto di arti visive newyorchese si sviluppa lungo tutto il Novecento e l'inizio del nuovo millennio andando ad indagare, su un piano più ampio, la violenza contro le donne in tutto il mondo.
Maggiori INFO sul sito dedicato alla mostra
L'esposizione approderà a Beijing il 25 ottobre e a Shanghai il 21 novembre 2015



The beat of freedom - M. Cuscunà