Passa ai contenuti principali

7 giugno -Studio Visit: Corinna Gosmaro featuring Miss Fanella (Maura Banfo)

Studio Visit: Corinna Gosmaro
&
“Riproduzione Fonomeccanica”
Selezione musicale di
Miss Fanella
 (Maura Banfo)

A cura di Spazio Ferramenta
martedì 7 giugno dalle ore 19
Ferramenta@sibir
Via Bellezia 8g, Torino


Spazio Ferramenta inaugura Studio Visit: un nuovo format espositivo dedicato ai giovanissimi. Per due settimane Ferramenta viene “consegnata” a un artista emergente, selezionato dal comitato curatoriale. Di volta in volta, giovani talenti ancora sconosciuti verranno presentati al pubblico e avranno la possibilità di realizzare un proprio progetto di mostra.
Un programma che rappresenta una sfida tanto per i curatori quanto per gli artisti: i primi chiamati a selezionare le giovani proposte e a costruire con loro progetti ad hoc; i secondi invitati a sperimentarsi dal punto di vista professionale. Il progetto nasce dalla volontà di Spazio Ferramenta di offrire l’opportunità a studenti e artisti non ancora affermati di crescere e di farsi conoscere.

Primo appuntamento martedì 7 giugno per l’inaugurazione della mostra di Corinna Gosmaro (1987). L’artista sceglie di riproporre in Ferramenta l’evoluzione dell’installazione You and Whose Army (Tu e l’armata di chi?) delicata e forte come l’omonima ballata dei Radiohead (album Amnesiac, 2001).

L’installazione - già esposta nelle aule dell’Accademia Albertina di Torino - si modifica e cresce in un work in progress che supera l’idea del trasporto dell’opera da una mostra ad un’altra e si avvicina all’archetipo degli interventi site-specific. Partendo dal precedente You and Whose Army, la Gosmaro genera un’installazione inedita utilizzando gli oggetti a lei cari (disegni su carta, maschere, oggetti comuni e edera) e quelli presenti nello spazio. L’identità dell’opera e l’identità di Ferramenta si mescolano in un’installazione complessa che, pur contenendole entrambe, le supera. L’artista gioca nello spazio, lo interpreta e lo riallestisce, disegnandone la nuova scenografia.

Nei disegni, ironici e delicati, un esercito di buffi personaggi che sembra prendersi beffe di noi, ci osserva mentre cerchiamo di comprendere i passaggi delle lunghe lettere, delle note a margine e degli scarabocchi dell’artista. Parole talvolta illeggibili, frasi criptiche, nuvole di sillabe e simboli non sempre decifrabili, scherzi anch’essi di una comunicazione spiritosa e non rivelata, convivono nell’istallazione. Ferramenta si trasforma in un agglomerato di iscrizioni che cela una ricerca intima, onirica; una narrazione personale leggiadra e sibillina; un flusso di coscienza che divaga e dilaga. I personaggi rappresentati nei disegni diventano allora ermetici messaggeri di pensieri, sussurrano riflessioni apparentemente illogiche, subconscie. L’illeggibilità delle parole e l’indefinibilità delle espressioni rendono l’installazione un luogo surreale, immaginifico nel quale le emozioni, come nei sogni, non si esplicitano ma trovano spazio, tutte insieme, armonicamente diffuse e confuse. Con l'opera di Corinna Gosmaro, Ferramenta diventa una contemporanea Caverna di Platone, nella quale le ombre sogghignano e le parole volano. Il pubblico, prigioniero nella Caverna, ha bisogno di abituarsi all’interpretazione, di imparare a discernere, di conoscere lentamente la realtà che trapela dalla visione di un lavoro non univoco, al quale ognuno è invitato a dare una differente interpretazione. You and Whose Army risulta un lavoro poetico, mentale, fresco ma non per questo ingenuo.


Per accompagnare la giovane artista in un battesimo espositivo importante, Spazio Ferramenta ha scelto una singolare madrina: Maura Banfo che per una sera smetterà i panni di artista già affermata e riconosciuta e sonorizzerà il vernissage della mostra. “Riproduzione Fonomeccanica” è il titolo della selezione musicale presentata da miss Fanella che renderà l’inaugurazione una piacevole occasione di festa per il pubblico di Ferramenta prima della pausa estiva. Come di consueto, in Ferramenta nulla è ciò che sembra: i ruoli si invertono, i professionisti giocano a divertirsi, i linguaggi si mescolano, l’inconsueto diventa la norma.

Post popolari in questo blog

Spazio Ferramenta arriva a NY

INTIMATE TRANSGRESSIONS PROJECT INTERNATIONAL CONTEMPORARY ART EXHIBITION
presenta il video della performance  A pièce of paper 
di Francesca ArrieGao Yuan a cura di Sara Bortoletto Spazio Ferramenta



La mostra, che inaugurerà il 3 settembre 2015 a New York City, curata da Fion Gunn in collaborazione con Juan Puntes e presentata da CAPA (Center for Asian Pacific Affairs) e WhiteBox, trae spunto dal concetto di 'Comfort Women ' durante e dopo la seconda guerra mondiale. Alla vigilia del 70 ° anniversario della fine della guerra, il progetto di arti visive newyorchese si sviluppa lungo tutto il Novecento e l'inizio del nuovo millennio andando ad indagare, su un piano più ampio, la violenza contro le donne in tutto il mondo.
Maggiori INFO sul sito dedicato alla mostra
L'esposizione approderà a Beijing il 25 ottobre e a Shanghai il 21 novembre 2015



A Pièce of Paper

Spazio Ferramenta
presenta 
A pièce of paper
Perfomance di Francesca Arri e Gao Yuan
A cura di Sara Bortoletto e Spazio Ferramenta


4 novembre 2014, a partire dalle ore 19.30 















“ [...]il difficile e il facile si completano l'un l'altro;  l'alto e il basso si invertono l'un l'altro;  i suoni e la voce si armonizzano l'un l'altro;  il prima ed il dopo si seguono l'un l'altro”. Laozi, Daodejing, capitolo II 

Spazio Ferramenta, per l’appuntamento che si inserisce nel ricchissimo calendario della settimana torinese dedicata all’Arte Contemporanea, allarga la rete delle collaborazioni coinvolgendo giovani curatori e artisti internazionali. 

DOPODICHE' Stasera mi butto

Spazio Ferramenta per il Torino Fringe Festival
presenta DOPODICHE' Stasera mi butto

Generazione Disagio - Milano
dal 3 al 6 maggio ore 21 dal 7 all'11 maggio ore 19.30
via Bellezia 8g (ingresso dal ristorante Sibiriaki)
Di e con: Enrico Pittaluga, Graziano Sirressi, Alessandro Bruni Ocaña, Luca Mammoli Regia: Riccardo Pippa
Scene e Locandine: Duccio Mantellassi e Niccolò Masini

La vita è dura, c'è la crisi, c'è lo spread. E allora cosa ci rimane? Il suicidio? Si! Gioca anche tu a DOPODICHE': riversa i tuoi problemi su un personaggio e portalo al suicidio

Sappiamo chi sei. Tu sei un disagiato. Lo sai tu e lo sappiamo anche noi. Sappiamo quante energie sprechi per non farlo vedere. Fratello disagiato, basta. Il disagio non è un ostacolo sulla strada, il disagio è la strada. Non cercare di cambiare te stesso. Non cercare di apparire migliore. Accettati come sei: pigro, inetto, inconcludente, dispersivo, vile. Noi ti vogliamo bene così. Non preoccuparti: elimineremo assieme ogni sen…