Passa ai contenuti principali

Martedì 22 febbraio alle 21.00, in Ferramenta si parlerà di musica e arte contemporanea.

Musica e arte. Due espressioni del sentimento umano apparentemente accostabili ma con un rapporto relazionale alquanto difficile.
Questo rapporto, come sostenuto da Enrico Fubini (docente di Estetica della musica dell’Università di Torino), anche se non conflittuale, ha evidenziato sempre dei problemi, sebbene solo da un punto di vista prettamente estetico filosofico e di storia dell'estetica.
L'arte dei suoni e dei silenzi ha un'identità particolare rispetto alle altre arti; identità conferitole sia dalla complessità dei mezzi tecnici che vengono messi in campo nella produzione, sia del linguaggio che viene utilizzato. Questa identità eterea è giustificata dal fatto che, indipendentemente da tutto quanto di soggettivo si possa tentare di esprimere, l'oggetto della musica è sempre inafferrabile. Non ha forma. La tecnologia è riuscita a fornire una sintetica forma d'onda ai suoni, ma il potere espressivo (riprendendo ancora il pensiero di Fubini) della musica è evidente “senza tuttavia saper mai precisare che cosa la musica esprima e in che modo”.

Cosa succede quando vengono avvicinate e si cerca di sovrapporre la musica (elettronica, digitale, la cosiddetta musica concreta, la musica astratta e la musica classica) e la produzione artistica in ambito di installazioni e creazioni performative?
Un elemento prende il sopravvento sull’altro? Il fruitore dell’opera, riesce a cogliere nella sua interezza il lavoro o l’attenzione sarà distolta da uno dei due elementi?
Quali le difficoltà o le agevolazioni per l’artista che decide di lavorare con i due linguaggi?

I tre casi che verranno analizzati e dai quali si svilupperà la chiacchierata che si svolgerà in Ferramenta, hanno a che fare con tre musicisti/artisti di Torino.
Tre punti di partenza diversi ma che convergono nel tentativo di fusione tra suono e arte contemporanea.

Roberto Giuliano è un musicista produttore di musica elettronica. A un certo punto della sua vita professionale, si è imbattuto nel Reactable, lo strumento più tecnologico del momento suonato da un numero esiguo di musicisti ed esposto nei musei della scienza e della tecnica di tutto il mondo.

Ramon Moro, trombettista e musicista raffinato, decide dopo aver visto l'opera Bwindi Light Masks di Richi Ferrero, di chiedere all'artista di poter intervenire nel processo creativo e realizzare una serie di performance live.

Alessandro Sciaraffa, artista contemporaneo, da anni impegnato in lavori sonori ha fatto del suono e delle sue applicazioni la matrice di parte della sua poetica.

Tre esperienze diverse che verranno raccontate e che interagiranno durante una chiacchierata “assemblata” da Generoso Gene Urciuoli. 


Post popolari in questo blog

A Pièce of Paper

Spazio Ferramenta
presenta 
A pièce of paper
Perfomance di Francesca Arri e Gao Yuan
A cura di Sara Bortoletto e Spazio Ferramenta


4 novembre 2014, a partire dalle ore 19.30 















“ [...]il difficile e il facile si completano l'un l'altro;  l'alto e il basso si invertono l'un l'altro;  i suoni e la voce si armonizzano l'un l'altro;  il prima ed il dopo si seguono l'un l'altro”. Laozi, Daodejing, capitolo II 

Spazio Ferramenta, per l’appuntamento che si inserisce nel ricchissimo calendario della settimana torinese dedicata all’Arte Contemporanea, allarga la rete delle collaborazioni coinvolgendo giovani curatori e artisti internazionali. 

Spazio Ferramenta arriva a NY

INTIMATE TRANSGRESSIONS PROJECT INTERNATIONAL CONTEMPORARY ART EXHIBITION
presenta il video della performance  A pièce of paper 
di Francesca ArrieGao Yuan a cura di Sara Bortoletto Spazio Ferramenta



La mostra, che inaugurerà il 3 settembre 2015 a New York City, curata da Fion Gunn in collaborazione con Juan Puntes e presentata da CAPA (Center for Asian Pacific Affairs) e WhiteBox, trae spunto dal concetto di 'Comfort Women ' durante e dopo la seconda guerra mondiale. Alla vigilia del 70 ° anniversario della fine della guerra, il progetto di arti visive newyorchese si sviluppa lungo tutto il Novecento e l'inizio del nuovo millennio andando ad indagare, su un piano più ampio, la violenza contro le donne in tutto il mondo.
Maggiori INFO sul sito dedicato alla mostra
L'esposizione approderà a Beijing il 25 ottobre e a Shanghai il 21 novembre 2015



The beat of freedom - M. Cuscunà