Passa ai contenuti principali

Carlo Vidoni per Spazio Ferramenta OFF

Spazio Ferramenta OFF
presenta
"Tornare natura" di Carlo Vidoni
martedì 15 novembre
via San Domenico 7, Torino
Dopo Trung Anh Vu, il giovane artista vietnamita presentato a settembre, Spazio Ferramenta Off viene interpretato da Carlo Vidoni. Suo anche l’allestimento della serata di presentazione dell’ultimo libro di Gian Luca Favetto, presentato a Torino proprio a Spazio Ferramenta.

15 novembre – 15 dicembre: 
Carlo Vidoni, Vive la révolution. Legno, poliesteri, metallo.
15 dicembre – 15 gennaio: 
Carlo Vidoni, Tornare natura, nido. Legno, poliesteri, paglia.



Sono surreali i lavori di Carlo Vidoni: ci si avvicina confortati dalla familiarità con gli oggetti scelti e poi, di colpo, è straniamento, alienazione. C’è qualcosa che non torna, le realtà non stanno al proprio posto, vengono ribaltate. 
E noi, poveri osservatori, non ritroviamo più quella condizione di tranquillità nella quale non è necessario porsi  domande.

Vidoni è silenzioso, puro, disarmante e potente come i sogni sanno essere.

Protagonisti della proposta artistica sono gli oggetti della tradizione domestica e rurale: arnesi, mobili, scarpe, ma anche valigie, libri, cappelli, occhiali. Oggetti alla ricerca di una propria identità; sradicati, pare abbiano perso la propria collocazione e tentino, ramificandosi, di ritrovarla.
In questa tensione è ravvisabile l’universalità dell’indagine di Vidoni che attraverso gli oggetti più semplici narra di un’umanità bisognosa di rinnovate relazioni e identità. Si celebra il mondo arcaico e duro dell’Italia di ieri, così potente e coraggioso nella sua attuale presenza da potersi manifestare attraverso il linguaggio dell’arte contemporanea. Ogni oggetto/soggetto si allunga, si contorce, si ridefinisce mettendo su radici, rinnovandosi nella coscienza della propria storia. Nelle opere di Vidoni ramifica, letteralmente, la vita; vi è un anelo esistenziale che denuncia l’autismo contemporaneo delle relazioni caotiche e dei cambiamenti socioculturali troppo repentini.

Eppure Vidoni non è duro, non massacra, non ferisce la fruizione. Al contrario, è amabile come una ninna nanna, è catartico e spirituale e ascende il pensiero contemporaneo senza traumi, in un viaggio che è profondo mutamento senza essere rivoluzione.
Il raffinato lavoro, composto da semplici fondamentali elementi, diventa così purezza e immediatezza, è riconoscibile, attuale ed esteticamente armonico. Per goderne occorre essere pazienti, vivere nella sospensione, riconoscersi il tempo dell’osservazione e del silenzio, imparare nuovamente a rispettare la propria storia. È necessario immergersi nella delicata cosmologia organizzata dall’artista, nella quale ogni elemento ha un posizione definita. E, nel contempo, risulta inutile il tentativo di trovare la serena sicurezza data dall’indiscussa verità: l’ordine di Vidoni è apparente, il silenzio fa rumore e disturba l’estasi.

Carlo Vidoni
E’ nato a Udine nel 1968, attualmente vive e lavora a Tarcento (Ud).
Ha frequentato l’Istituto d’Arte di Udine, specializzandosi in grafica e fotografia, per poi laurearsi in storia dell’arte contemporanea presso la facoltà di Conservazione dei Beni Culturali di Udine.
La sua ricerca artistica da anni si muove nel territorio della sperimentazione scultorea, condotta attraverso l’uso di molteplici materiali. Dalla necessità di documentare visivamente le sculture ultimate, nasce l’utilizzo della fotografia che, in breve, diventa percorso di ricerca autonomo e parallelo. Finalità della sua ricerca artistica è la riflessione sulla condizione esistenziale dell’uomo contemporaneo e sul rapporto civiltà – natura. 
Negli ultimi anni l’artista ha collaborato con le gallerie DIECIDUE! di Milano, 3G, Artestudio Clocchiatti di Udine e Studio Tommaseo di Trieste.

 
Solo show
2010 "Situs inversus", galleria Artestudio Clocchiatti, Udine
2002 “La selva selvaggia”, Galleria Santo Stefano, Venezia.
Quasiumani”, Antico Ospedale dei Battuti, S. Vito al Tagliamento, Pordenone
2001 Imago, Dobrun Dom, Feistritz An Der Gail, Austria.
1999 “Bugs”, per “ICEBERG 99”, spazio Agenzia Giovani di Udine.

Post popolari in questo blog

Spazio Ferramenta arriva a NY

INTIMATE TRANSGRESSIONS PROJECT INTERNATIONAL CONTEMPORARY ART EXHIBITION
presenta il video della performance  A pièce of paper 
di Francesca ArrieGao Yuan a cura di Sara Bortoletto Spazio Ferramenta



La mostra, che inaugurerà il 3 settembre 2015 a New York City, curata da Fion Gunn in collaborazione con Juan Puntes e presentata da CAPA (Center for Asian Pacific Affairs) e WhiteBox, trae spunto dal concetto di 'Comfort Women ' durante e dopo la seconda guerra mondiale. Alla vigilia del 70 ° anniversario della fine della guerra, il progetto di arti visive newyorchese si sviluppa lungo tutto il Novecento e l'inizio del nuovo millennio andando ad indagare, su un piano più ampio, la violenza contro le donne in tutto il mondo.
Maggiori INFO sul sito dedicato alla mostra
L'esposizione approderà a Beijing il 25 ottobre e a Shanghai il 21 novembre 2015



A Pièce of Paper

Spazio Ferramenta
presenta 
A pièce of paper
Perfomance di Francesca Arri e Gao Yuan
A cura di Sara Bortoletto e Spazio Ferramenta


4 novembre 2014, a partire dalle ore 19.30 















“ [...]il difficile e il facile si completano l'un l'altro;  l'alto e il basso si invertono l'un l'altro;  i suoni e la voce si armonizzano l'un l'altro;  il prima ed il dopo si seguono l'un l'altro”. Laozi, Daodejing, capitolo II 

Spazio Ferramenta, per l’appuntamento che si inserisce nel ricchissimo calendario della settimana torinese dedicata all’Arte Contemporanea, allarga la rete delle collaborazioni coinvolgendo giovani curatori e artisti internazionali. 

DOPODICHE' Stasera mi butto

Spazio Ferramenta per il Torino Fringe Festival
presenta DOPODICHE' Stasera mi butto

Generazione Disagio - Milano
dal 3 al 6 maggio ore 21 dal 7 all'11 maggio ore 19.30
via Bellezia 8g (ingresso dal ristorante Sibiriaki)
Di e con: Enrico Pittaluga, Graziano Sirressi, Alessandro Bruni Ocaña, Luca Mammoli Regia: Riccardo Pippa
Scene e Locandine: Duccio Mantellassi e Niccolò Masini

La vita è dura, c'è la crisi, c'è lo spread. E allora cosa ci rimane? Il suicidio? Si! Gioca anche tu a DOPODICHE': riversa i tuoi problemi su un personaggio e portalo al suicidio

Sappiamo chi sei. Tu sei un disagiato. Lo sai tu e lo sappiamo anche noi. Sappiamo quante energie sprechi per non farlo vedere. Fratello disagiato, basta. Il disagio non è un ostacolo sulla strada, il disagio è la strada. Non cercare di cambiare te stesso. Non cercare di apparire migliore. Accettati come sei: pigro, inetto, inconcludente, dispersivo, vile. Noi ti vogliamo bene così. Non preoccuparti: elimineremo assieme ogni sen…