Passa ai contenuti principali

Torino culturale?

Torino culturale?
Fabrizio Vespa, Stefano Tallia e Cartoline Teatrali
a cura di Spazio Ferramenta
Martedì 29 marzo alle 21.00

  
Torino always on the move diceva uno slogan della Città di Torino di qualche anno fa. Ed è innegabile che il capoluogo piemontese sia mosso e lo abbia fatto velocemente. Complice una governance politica che ha saputo assecondare il passaggio da un’economica basata sull’industria automobilistica a una fondata sul terziario, Torino si è trasformata e ha scelto la cultura e la creatività come leve propulsive.
Ma al di fuori dei salotti amministrativi, dei circoli e delle istituzioni museali, si è sviluppato un intero sistema metropolitano. La creatività underground ha contagiato praticamente tutti i settori: dalla musica all’arte contemporanea, dalla grafica alla fotografia, dalla letteratura al teatro, dall’editoria alla comunicazione passando per il design e l’architettura. Torino è tanto la capitale dei grandi eventi quanto delle iniziative bottom-up e si appresta ora ad affrontare i cambiamenti che l’attuale panorama economico e politico impongono.

Il percorso vuole esplorare, senza pretese di esaustività o completezza, l’eterogeneo panorama delle attività artistiche e creative che in anni recenti, seppur con profonde differenze, hanno caratterizzato l’area metropolitana di Torino. Spazio Ferramenta propone un nuovo incontro-evento: ancora una volta l’indagine estetica si spinge verso nuove frontiere e mescola linguaggi differenti.
Com’è cambiato lo spazio urbano? Come i cambiamenti sociali hanno influenzato la creatività cittadina (e viceversa)? Qual è la composizione della fabbrica metropolitana? Come gli artisti abitano e reinterpretano i punti nevralgici di una città ovvero i quartieri del cambiamento?
Per riflettere sulla scena Torinese, che negli ultimi ha saputo imporsi e influenzare mode e tendenze non solo nazionali, Spazio Ferramenta propone un incontro tra “creativi” di ambiti diversi:
Fabrizio Vespa, giornalista pubblicista e Dj, presenterà una selezione di immagini tratte dal suo ultimo lavoro fotografico "Torino true". Per parlare di Torino - la creatività, l'utilizzo degli spazi, la scena underground, le istituzioni - accompagnando il dialogo con una selezione di brani musicali cult nati nella nostra città negli ultimi 40 anni.
Stefano Tallia, scrittore (un titolo per tutti Toro come un romanzo. Il mito granata in 101 partite) e giornalista fra i più autorevoli della città, sarà il "guastatore" della serata con il compito di proporre un punto di vista alternativo rispetto a quello degli operatori culturali.
Cartoline Teatrali (Chiara Lombardo e Giulia Menegatti) registe e performer teatrali, utilizzano il linguaggio teatrale come indagine sociale e momento di “risveglio” collettivo.

Partendo dalla performance teatrale “Tavola 26 (vincitrice del secondo premio e menzione speciale al concorso nazionale "I love my city") la serata avrà una colonna sonora tutta torinese e una scenografia scandita dalle immagini del lavoro fotografico “Torino True” di Fabrizio Vespa.
Approfondimenti:
http://www.tavola26.blogspot.com/

www.wix.com/cartolineteatrali/chi
http://www.nohay-banda.it/dblog/

Dove:
Ferramenta@Sibir
via Bellezzia 8/g
Torino

Post popolari in questo blog

SPAZIO FERRAMENTA

Spazio Ferramenta è un progetto culturale indipendente che coinvolge un gruppo di cinque persone, la cui direzione artistica è a cura di Raffaella Bassi, affiancata da Francesca Arri e Verdiana Oberto.
Ferramenta è uno luogo già esistente la cui identità è mutata negli anni. Oggi è la sede privilegiata da Spazio Ferramenta, trasformata in spazio indipendente ove viene promossa la sperimentazione artistica e la contaminazione tra linguaggi contemporanei, mescolando gli ingredienti del nutrimento culturale.
Nell’attuale panorama sociale - caratterizzato da forti separazioni di gruppo che esaltano le categorizzazioni, gli arroccamenti e i contrasti -Spazio Ferramenta lancia un ribaltamento di prospettive basato sul confronto interdisciplinare. Laddove coesisteranno sguardi trasversali, contaminazioni e commistioni, lì si potranno generare nuove riflessioni. Spazio Ferramenta esplora i confini tra diverse narrazioni e, sulla sottile linea di separazione tra un linguaggio e un altro, costruis…

CHI SIAMO

Raffaella Bassi (Cividale del Friuli, 1974) 
Laureata in Conservazione dei Beni Culturali con master di Management dei Beni Culturali e Ambientali, attualmente segue la comunicazione in una istituzione museale torinese. Co-fondatrice e direttore artistico di Spazio Ferramenta.

Francesca Arri, (Asti 1983) 
Performer e artista visiva, laureata all’Accademia Albertina, La sua opera parte dall'azione dal vivo per arrivare alla ricerca e promozione di artisti e ricercatori nell'ambito dell'arte, della musica e della cultura contemporanea. Il suo lavoro è stato presentato in importanti vetrine internazionali tra cui Fondazione Hangar Bicocca, Milano, Fondazione Merz, Torino, Matadero-Madrid, Tel Aviv Museum of Art, 12th Istanbul Biennale, White Box Gallery New York, CAPA New York, E-Flux New York in collaborazione con Serpentine Gallery Londra, Kopfbau Basilea, Inter Art Gallery Pechino, Uninghen Berlino/Londra, Mart Dublino, Centro Cultural MAC Montevideo, Museo de las Mujeres Cor…

Spazio Ferramenta presenta: ALTROVE

Spazio Ferramenta
ALTROVE



Rebecca Agnes | Emanuele Basile | Elisabetta Quaglia

per Fo.To Fotografi a Torino del Museo Ettore Fico

Dal 3 maggio 2018 al 15 maggio 2018
Il viaggio ti porta altrove, è qualcosa di avventuroso e intimo. Spesso segna un cambiamento e quando ha termine ti lascia in qualche modo diverso: libero, consapevole e cresciuto.

La fotografia diventa il mezzo del racconto. Una forma di storyboard esistenziale, a cui ognuno è legato ad un proprio universo sensibile. I fotografi sono fruitori di storie, a volte le nostre altre le loro, la differenza è così sottile tanto da non distinguersi più lasciandoci coinvolgere dai loro racconti.

Il progetto tesse il filo di tre racconti in cui gli spettatori sono invitati a percorrerne la storia insieme all'autore. Si passerà dall'architettura fredda e metropolitana di Berlino tanto amata da Rebecca Agnes, ai caldi colori dell'India riportati da Emanuele Basile per poi ritrovarsi in quella che sembra un atmosfera famil…