Passa ai contenuti principali

Campo PW43. Le stanze della memoria

 Campo PW43.
Le stanze della memoria
Dal 5 al 26 aprile

A cura di Spazio Ferramenta

Inaugurazione martedì 5 aprile dalle 19.00
Ferramenta@sibir
Via Bellezia 8g, Torino



Spazio Ferramenta propone una nuova mostra: come di consueto privilegiando il mescolarsi di linguaggi differenti, scegliendo però per l’occasione un gruppo di artisti emergenti sui quali lo staff curatoriale vuole scommettere.
A confrontarsi nell’appuntamento che si inaugura martedì 5 aprile saranno arte, storia, fotografia, teatro: elementi costitutivi della ricerca artistica di un team di artisti inedito, costituito da Monica Chiappara, Davide Leone, Monica Bonetto, Stefano Dell’Accio, Davide Tomat e Gabriele Ottino.

Campo PW43. Le stanze della memoria.
Un imponente rudere e l’intreccio di esistenze che lo hanno attraversato vengono distillati in proposte visive e sonore fruibili singolarmente o nel loro complesso.
La memoria non come ricerca puramente storiografica ma come insieme di dettagli che allargano la visuale, amplificano il particolare, sospendono il giudizio in un presente emotivo che si oppone ostinato all’oblio.

Il percorso è tracciato da fotografie che ritraggono le architteture e da immagini video che riproducono le testimonianze raccolte; il vuoto degli ambienti, in stato di abbandono, fa da eco alle voci delle persone che hanno vissuto i luoghi ripresi e i fatti legati a essi.
A completare l’esposizione un reading di testi originali ispirati alle diverse testimonianze, brevi testi che affiancano idealmente i racconti originali e ne amplificano la forza evocativa.

Un progetto di
Monica Chiappara - Foto
(fotografa, video maker, digital artist, scenografa)
Davide Leone -Video (produttore, video maker, light designer)
Monica Bonetto - Reading (attrice, doppiatrice, drammaturga e critico teatrale di Torinosette\La Stampa)
Stefano Dell’Accio - Reading (attore di prosa, teatro ragazzi, cabaret, e autore di testi teatrali e televisivi)
Davide Tomat - sonorizzazione reading (musicista, compositore, produttore sound designer. N.A.M.B., Niagara e Superbudda Studio)
Gabriele Ottino - sonorizzazione reading (musicista, compositore, produttore, video maker e sound designer. N.A.M.B., Niagara e Superbudda Studio)

Inaugurazione e reading:
5 aprile 2011 dalle 19
Esposizione:
5-26 aprile 2011 (da giovedì a domenica dalle 20 alle 23 o su appuntamento)
Reading
26 aprile ore 21

L’albergo Miramonti venne costruito a Garessio, Cuneo, negli anni ’20 per ospitare la prestigiosa clientela internazionale che si recava alle adiacenti terme delle fonti dell’acqua San Bernardo.
Durante la Seconda Guerra Mondiale venne prima trasformato in quartiere generale delle truppe tedesche, poi in atipico campo di prigionia per ufficiali slavi, prendendo il nome di Campo PW 43.
Fu anche teatro di uno degli scontri più cruenti della lotta di liberazione e testimone della fucilazione di cinque uomini; uno di questi ultimi rimase miracolosamente illeso e riuscì a fuggire.
Nei decenni successivi l’albergo non ritrovò più l’iniziale splendore: a poco a poco decadde, subì diversi saccheggi e incendi di natura dolosa sino a diventare il rudere di oggi.
Di questo luogo e della sua storia sono stati prodotti materiali fotografici e video e sono state raccolte testimonianze.

Per l’inaugurazione è previsto un evento performativo, affidato a due attori, che include un reading di brevi testi originali ispirati alle immagini e alle testimonianze raccolte, la lettura dei brani composti sulle suggestioni generate dal materiale filmico e fotografico affianca idealmente i racconti originali e ne amplifica la forza evocativa.


Post popolari in questo blog

A Pièce of Paper

Spazio Ferramenta
presenta 
A pièce of paper
Perfomance di Francesca Arri e Gao Yuan
A cura di Sara Bortoletto e Spazio Ferramenta


4 novembre 2014, a partire dalle ore 19.30 















“ [...]il difficile e il facile si completano l'un l'altro;  l'alto e il basso si invertono l'un l'altro;  i suoni e la voce si armonizzano l'un l'altro;  il prima ed il dopo si seguono l'un l'altro”. Laozi, Daodejing, capitolo II 

Spazio Ferramenta, per l’appuntamento che si inserisce nel ricchissimo calendario della settimana torinese dedicata all’Arte Contemporanea, allarga la rete delle collaborazioni coinvolgendo giovani curatori e artisti internazionali. 

Spazio Ferramenta arriva a NY

INTIMATE TRANSGRESSIONS PROJECT INTERNATIONAL CONTEMPORARY ART EXHIBITION
presenta il video della performance  A pièce of paper 
di Francesca ArrieGao Yuan a cura di Sara Bortoletto Spazio Ferramenta



La mostra, che inaugurerà il 3 settembre 2015 a New York City, curata da Fion Gunn in collaborazione con Juan Puntes e presentata da CAPA (Center for Asian Pacific Affairs) e WhiteBox, trae spunto dal concetto di 'Comfort Women ' durante e dopo la seconda guerra mondiale. Alla vigilia del 70 ° anniversario della fine della guerra, il progetto di arti visive newyorchese si sviluppa lungo tutto il Novecento e l'inizio del nuovo millennio andando ad indagare, su un piano più ampio, la violenza contro le donne in tutto il mondo.
Maggiori INFO sul sito dedicato alla mostra
L'esposizione approderà a Beijing il 25 ottobre e a Shanghai il 21 novembre 2015



DOPODICHE' Stasera mi butto

Spazio Ferramenta per il Torino Fringe Festival
presenta DOPODICHE' Stasera mi butto

Generazione Disagio - Milano
dal 3 al 6 maggio ore 21 dal 7 all'11 maggio ore 19.30
via Bellezia 8g (ingresso dal ristorante Sibiriaki)
Di e con: Enrico Pittaluga, Graziano Sirressi, Alessandro Bruni Ocaña, Luca Mammoli Regia: Riccardo Pippa
Scene e Locandine: Duccio Mantellassi e Niccolò Masini

La vita è dura, c'è la crisi, c'è lo spread. E allora cosa ci rimane? Il suicidio? Si! Gioca anche tu a DOPODICHE': riversa i tuoi problemi su un personaggio e portalo al suicidio

Sappiamo chi sei. Tu sei un disagiato. Lo sai tu e lo sappiamo anche noi. Sappiamo quante energie sprechi per non farlo vedere. Fratello disagiato, basta. Il disagio non è un ostacolo sulla strada, il disagio è la strada. Non cercare di cambiare te stesso. Non cercare di apparire migliore. Accettati come sei: pigro, inetto, inconcludente, dispersivo, vile. Noi ti vogliamo bene così. Non preoccuparti: elimineremo assieme ogni sen…