Passa ai contenuti principali

Campo PW43. Le stanze della memoria

 Campo PW43.
Le stanze della memoria
Dal 5 al 26 aprile

A cura di Spazio Ferramenta

Inaugurazione martedì 5 aprile dalle 19.00
Ferramenta@sibir
Via Bellezia 8g, Torino



Spazio Ferramenta propone una nuova mostra: come di consueto privilegiando il mescolarsi di linguaggi differenti, scegliendo però per l’occasione un gruppo di artisti emergenti sui quali lo staff curatoriale vuole scommettere.
A confrontarsi nell’appuntamento che si inaugura martedì 5 aprile saranno arte, storia, fotografia, teatro: elementi costitutivi della ricerca artistica di un team di artisti inedito, costituito da Monica Chiappara, Davide Leone, Monica Bonetto, Stefano Dell’Accio, Davide Tomat e Gabriele Ottino.

Campo PW43. Le stanze della memoria.
Un imponente rudere e l’intreccio di esistenze che lo hanno attraversato vengono distillati in proposte visive e sonore fruibili singolarmente o nel loro complesso.
La memoria non come ricerca puramente storiografica ma come insieme di dettagli che allargano la visuale, amplificano il particolare, sospendono il giudizio in un presente emotivo che si oppone ostinato all’oblio.

Il percorso è tracciato da fotografie che ritraggono le architteture e da immagini video che riproducono le testimonianze raccolte; il vuoto degli ambienti, in stato di abbandono, fa da eco alle voci delle persone che hanno vissuto i luoghi ripresi e i fatti legati a essi.
A completare l’esposizione un reading di testi originali ispirati alle diverse testimonianze, brevi testi che affiancano idealmente i racconti originali e ne amplificano la forza evocativa.

Un progetto di
Monica Chiappara - Foto
(fotografa, video maker, digital artist, scenografa)
Davide Leone -Video (produttore, video maker, light designer)
Monica Bonetto - Reading (attrice, doppiatrice, drammaturga e critico teatrale di Torinosette\La Stampa)
Stefano Dell’Accio - Reading (attore di prosa, teatro ragazzi, cabaret, e autore di testi teatrali e televisivi)
Davide Tomat - sonorizzazione reading (musicista, compositore, produttore sound designer. N.A.M.B., Niagara e Superbudda Studio)
Gabriele Ottino - sonorizzazione reading (musicista, compositore, produttore, video maker e sound designer. N.A.M.B., Niagara e Superbudda Studio)

Inaugurazione e reading:
5 aprile 2011 dalle 19
Esposizione:
5-26 aprile 2011 (da giovedì a domenica dalle 20 alle 23 o su appuntamento)
Reading
26 aprile ore 21

L’albergo Miramonti venne costruito a Garessio, Cuneo, negli anni ’20 per ospitare la prestigiosa clientela internazionale che si recava alle adiacenti terme delle fonti dell’acqua San Bernardo.
Durante la Seconda Guerra Mondiale venne prima trasformato in quartiere generale delle truppe tedesche, poi in atipico campo di prigionia per ufficiali slavi, prendendo il nome di Campo PW 43.
Fu anche teatro di uno degli scontri più cruenti della lotta di liberazione e testimone della fucilazione di cinque uomini; uno di questi ultimi rimase miracolosamente illeso e riuscì a fuggire.
Nei decenni successivi l’albergo non ritrovò più l’iniziale splendore: a poco a poco decadde, subì diversi saccheggi e incendi di natura dolosa sino a diventare il rudere di oggi.
Di questo luogo e della sua storia sono stati prodotti materiali fotografici e video e sono state raccolte testimonianze.

Per l’inaugurazione è previsto un evento performativo, affidato a due attori, che include un reading di brevi testi originali ispirati alle immagini e alle testimonianze raccolte, la lettura dei brani composti sulle suggestioni generate dal materiale filmico e fotografico affianca idealmente i racconti originali e ne amplifica la forza evocativa.


Post popolari in questo blog

SPAZIO FERRAMENTA

Spazio Ferramenta è un progetto culturale indipendente che coinvolge un gruppo di cinque persone, la cui direzione artistica è a cura di Raffaella Bassi, affiancata da Francesca Arri e Verdiana Oberto.
Ferramenta è uno luogo già esistente la cui identità è mutata negli anni. Oggi è la sede privilegiata da Spazio Ferramenta, trasformata in spazio indipendente ove viene promossa la sperimentazione artistica e la contaminazione tra linguaggi contemporanei, mescolando gli ingredienti del nutrimento culturale.
Nell’attuale panorama sociale - caratterizzato da forti separazioni di gruppo che esaltano le categorizzazioni, gli arroccamenti e i contrasti -Spazio Ferramenta lancia un ribaltamento di prospettive basato sul confronto interdisciplinare. Laddove coesisteranno sguardi trasversali, contaminazioni e commistioni, lì si potranno generare nuove riflessioni. Spazio Ferramenta esplora i confini tra diverse narrazioni e, sulla sottile linea di separazione tra un linguaggio e un altro, costruis…

CHI SIAMO

Raffaella Bassi (Cividale del Friuli, 1974) 
Laureata in Conservazione dei Beni Culturali con master di Management dei Beni Culturali e Ambientali, attualmente segue la comunicazione in una istituzione museale torinese. Co-fondatrice e direttore artistico di Spazio Ferramenta.

Francesca Arri, (Asti 1983) 
Performer e artista visiva, laureata all’Accademia Albertina, La sua opera parte dall'azione dal vivo per arrivare alla ricerca e promozione di artisti e ricercatori nell'ambito dell'arte, della musica e della cultura contemporanea. Il suo lavoro è stato presentato in importanti vetrine internazionali tra cui Fondazione Hangar Bicocca, Milano, Fondazione Merz, Torino, Matadero-Madrid, Tel Aviv Museum of Art, 12th Istanbul Biennale, White Box Gallery New York, CAPA New York, E-Flux New York in collaborazione con Serpentine Gallery Londra, Kopfbau Basilea, Inter Art Gallery Pechino, Uninghen Berlino/Londra, Mart Dublino, Centro Cultural MAC Montevideo, Museo de las Mujeres Cor…

Spazio Ferramenta presenta: ALTROVE

Spazio Ferramenta
ALTROVE



Rebecca Agnes | Emanuele Basile | Elisabetta Quaglia

per Fo.To Fotografi a Torino del Museo Ettore Fico

Dal 3 maggio 2018 al 15 maggio 2018
Il viaggio ti porta altrove, è qualcosa di avventuroso e intimo. Spesso segna un cambiamento e quando ha termine ti lascia in qualche modo diverso: libero, consapevole e cresciuto.

La fotografia diventa il mezzo del racconto. Una forma di storyboard esistenziale, a cui ognuno è legato ad un proprio universo sensibile. I fotografi sono fruitori di storie, a volte le nostre altre le loro, la differenza è così sottile tanto da non distinguersi più lasciandoci coinvolgere dai loro racconti.

Il progetto tesse il filo di tre racconti in cui gli spettatori sono invitati a percorrerne la storia insieme all'autore. Si passerà dall'architettura fredda e metropolitana di Berlino tanto amata da Rebecca Agnes, ai caldi colori dell'India riportati da Emanuele Basile per poi ritrovarsi in quella che sembra un atmosfera famil…