Passa ai contenuti principali

Palingenesi Metropolitane
Edoardo Piva, Trung Anh Vu, Alfredo Vinti
4-5-6 maggio 2012
Spazio Ad Libitum - Docks Dora
via Valprato 68 Torino
A cura di Spazio Ferramenta
In collaborazione con Spazio Ad Libitum




              
Spazio Ferramenta inaugura una nuova collaborazione che sancisce la volontà di essere tra i protagonisti delle trasformazioni contemporanee e raccoglie l’invito a curare una piccola collettiva all’interno del neonato Spazio Ad Libitum, in occasione delle celebrazioni del Centenario dei Docks Dora.




              
Negli anni più recenti della nostra storia sociale i cambiamenti sono sempre più radicali, le invenzioni tecnologiche si susseguono e siamo abituati a sostituire oggetti, stili, abitudini in tempi rapidi. Gli attuali scenari economici influenzano le già brusche variazioni del mercato del lavoro, le trasformazioni del sistema scolastico e del welfare, imponendo ritmi serrati e reazioni sempre più repentine ai cambiamenti imposti. Ma cosa succede agli spazi, ai luoghi sui quali si riflettono le più o meno graduali metamorfosi sociali e industriali?
Indubbiamente le città e gli spazi urbani sono i termometri delle alterazioni in atto, ma vi sono interstizi periferici, profili semi-celati nei quali le trasformazioni vivono seguendo ritmi scanditi da tempi diversi, unici. Ci sono luoghi che alternano momenti di splendore a periodi di difficoltà; apparentemente sopiti brulicano di attività silenziose, sotterranee. È ciò che è capitato ai Docks Dora che nel corso di un secolo hanno vissuto picchi di visibilità e anni di nebbia, sospesi nella dimensione spaziotemporale di un quartiere in continuo mutamento.

“Chi si ferma è perduto”. Ma chi si ferma è davvero perduto? O si riposa? O pensa? O si prepara? Cosa fa chi si ferma? Cosa è successo di Docks Dora negli ultimi anni? Chi li vive?
Per interpretare il cambiamento dei Docks Dora, Spazio Ferramenta sceglie tre progetti artistici, tre indagini estetiche che rappresentano le diverse reazioni alla stasi apparente che ha caratterizzato gli ultimi anni del fabbricato industriale: a prima vista sopito, in realtà incostante e assolutamente dinamico.

C’è l’installazione del giovane Trung Anh Vu: Fly in dreams, un braccio in ferro saldato (quasi una celebrazione della vocazione industriale originaria dei Docks) poggia su un’umile brandina (il sonno, il torpore, ma anche un periodo di letargo, di ristoro). In una risoluta antitesi simbolica ed estetica, si contrappongono al ferro, al gelo della materia, all’ansia dei brandelli di corpo scuro, soffici piume, morbidezza e candore, calore e conforto.
              



Ci sono gli scatti di Edoardo Piva (Torino, 1977): A-toxic una serie fotografica nata per il progetto Il Futuro del Mondo Passa da Qui, poetico reportage di una delle periferie urbane più difficili di Torino, il cosiddetto “toxic park”, che dietro l’obiettivo del fotografo diventa giardino onirico, eterea armonia di un ferita urbana in cui tace, non svelato, l’inatteso.


 

Infine ci sono quattro istantanee provenienti dalla serie fotografica A passo d’uomo di Alfredo Vinti scattate presso l’Italcementi di Cividale, storico cementificio, oggi demolito, la cui storia si è legata inevitabilmente alla narrazione sociale di un’intera classe di lavoratori e cittadini.

   

In Palingenesi metropolitane ci sono il torpore, la periferia urbana, l’archeologia industriale. Soprattutto c’è il cambiamento, un attimo prima che si realizzi, nell’istante a partire dal quale nulla sarà come prima. I tre lavori afferrano e rappresentano il momento esatto in cui la trasformazione accade, si concretizza. Un istante solo, impossibile da cogliere. Lo fissano, lo prendono, lo cercano. Nella consapevolezza di non poterlo realmente fermare, nell’impossibilità della rappresentazione, narrandone un frammento. Perché è nei frammenti che si concretizza il cambiamento.


Edoardo Piva (Torino, 1977), diplomato presso l’Istituto Europeo di Design di Torino dove insegna Still life, è fotografo di scena del Teatro Regio di Torino dal 2000 al fianco di Alberto Ramella e freelance dal 2003.

Alfredo Vinti (Cividale del Friuli, 1973), coltiva la sua grande passione, la fotografia, dapprima come autodidatta e poi seguendo i corsi di Alberto Moretti, nel 2011 tiene la sua prima personale A passo d’uomo allo spazio culturale Navel.

Trung Anh Vu (Vietnam, 1980), diplomato all’Accademia delle Belle Arti di Torino, ha esposto a PARCO (Casier, Tv) e presso la Galleria Tonin di Torino. A settembre Spazio Ferramenta ha inaugurato con un suo lavoro il progetto Spazio Ferramenta OFF.

Trung Anh Vu inaugurerà la sua prima personale a Spazio Ferramenta il 29 maggio.
La mostra si inserirà all’interno del ciclo espositivo Studio Visit, dedicato agli artisti emergenti.

Post popolari in questo blog

SPAZIO FERRAMENTA

Spazio Ferramenta è un progetto culturale indipendente che coinvolge un gruppo di cinque persone, la cui direzione artistica è a cura di Raffaella Bassi, affiancata da Francesca Arri e Verdiana Oberto.
Ferramenta è uno luogo già esistente la cui identità è mutata negli anni. Oggi è la sede privilegiata da Spazio Ferramenta, trasformata in spazio indipendente ove viene promossa la sperimentazione artistica e la contaminazione tra linguaggi contemporanei, mescolando gli ingredienti del nutrimento culturale.
Nell’attuale panorama sociale - caratterizzato da forti separazioni di gruppo che esaltano le categorizzazioni, gli arroccamenti e i contrasti -Spazio Ferramenta lancia un ribaltamento di prospettive basato sul confronto interdisciplinare. Laddove coesisteranno sguardi trasversali, contaminazioni e commistioni, lì si potranno generare nuove riflessioni. Spazio Ferramenta esplora i confini tra diverse narrazioni e, sulla sottile linea di separazione tra un linguaggio e un altro, costruis…

CHI SIAMO

Raffaella Bassi (Cividale del Friuli, 1974) 
Laureata in Conservazione dei Beni Culturali con master di Management dei Beni Culturali e Ambientali, attualmente segue la comunicazione in una istituzione museale torinese. Co-fondatrice e direttore artistico di Spazio Ferramenta.

Francesca Arri, (Asti 1983) 
Performer e artista visiva, laureata all’Accademia Albertina, La sua opera parte dall'azione dal vivo per arrivare alla ricerca e promozione di artisti e ricercatori nell'ambito dell'arte, della musica e della cultura contemporanea. Il suo lavoro è stato presentato in importanti vetrine internazionali tra cui Fondazione Hangar Bicocca, Milano, Fondazione Merz, Torino, Matadero-Madrid, Tel Aviv Museum of Art, 12th Istanbul Biennale, White Box Gallery New York, CAPA New York, E-Flux New York in collaborazione con Serpentine Gallery Londra, Kopfbau Basilea, Inter Art Gallery Pechino, Uninghen Berlino/Londra, Mart Dublino, Centro Cultural MAC Montevideo, Museo de las Mujeres Cor…

Spazio Ferramenta presenta: ALTROVE

Spazio Ferramenta
ALTROVE



Rebecca Agnes | Emanuele Basile | Elisabetta Quaglia

per Fo.To Fotografi a Torino del Museo Ettore Fico

Dal 3 maggio 2018 al 15 maggio 2018
Il viaggio ti porta altrove, è qualcosa di avventuroso e intimo. Spesso segna un cambiamento e quando ha termine ti lascia in qualche modo diverso: libero, consapevole e cresciuto.

La fotografia diventa il mezzo del racconto. Una forma di storyboard esistenziale, a cui ognuno è legato ad un proprio universo sensibile. I fotografi sono fruitori di storie, a volte le nostre altre le loro, la differenza è così sottile tanto da non distinguersi più lasciandoci coinvolgere dai loro racconti.

Il progetto tesse il filo di tre racconti in cui gli spettatori sono invitati a percorrerne la storia insieme all'autore. Si passerà dall'architettura fredda e metropolitana di Berlino tanto amata da Rebecca Agnes, ai caldi colori dell'India riportati da Emanuele Basile per poi ritrovarsi in quella che sembra un atmosfera famil…