Passa ai contenuti principali

Studio Visit: Trung Anh Vu + Performance audiovideo generativa di Ventuno12

Studio Visit: Trung Anh Vu
Gli occhi bianchi
A cura di Spazio Ferramenta
+
Performance audiovideo generativa
A cura di Ventuno12

martedì 29 maggio dalle ore 19
Ferramenta@sibir

Terzo appuntamento per Studio Visit il format espositivo che, periodicamente, Spazio Ferramenta dedica ai giovani artisti. Il progetto nasce dalla volontà di offrire l’opportunità a studenti e giovani artisti di crescere, farsi conoscere e cominciare a mettere in pratica le proprie competenze organizzative. Anche in questo caso, la Ferramenta è stata “consegnata” a un emergente per la realizzazione di un proprio progetto di mostra. Come Corinna Gosmaro e Artsiom Parchynski, anche Trung Anh Vu è un giovane studente dell’Accademia delle Belle Arti di Torino e nell’ultimo anno ha già collaborato con lo spazio di via Bellezia: scelto per inaugurare il progetto Spazio Ferramenta OFF, è uno dei tre artisti selezionati per “Palingenesi metropolitana” la mostra di Spazio Ferramenta realizzata all’interno dello Spazio Ad Libitum in occasione del Centenario dei Docks Dora.


Dal 29 maggio, Trung Anh Vu sarà protagonista di un solo show dall’evocativo titolo “Gli occhi bianchi”. Neutro e infinito, il bianco è il colore del nulla, del sonno, dell’indefinito. La fruizione delle opere del giovane vietnamita potrebbe essere un atto di sonnambulismo, a metà strada tra la produzione onirica e l’inconsapevolezza, in quel dormiveglia sospeso tra cielo e terra. L’artista gioca sapientemente con i contrasti, siano questi visibili - pieno/vuoto, chiaro/scuro, leggero/pesante - o evocativi - vita/morte, corpo/anima, finito/infinito -. Ciò che è materico è scuro, pesante e si può spezzare. Al contrario ciò che è spirituale è chiaro, leggero, resistente agli urti. E la materia preferita nelle tre sculture presentate è il ferro, saldato con tecnica sapiente, freddo e solido, in evidente contrasto con il gesso e le piume. In mostra anche una serie di disegni in china su carta di bambù.

Trung Anh Vu (Vietnam, 1980), diplomando all’Accademia delle Belle Arti di Torino, ha esposto a PARCO (Casier, Tv) e presso la Galleria Tonin di Torino.



In occasione della personale di Trung Anh Vu, Spazio Ferramenta gioca con un altro giovane progetto culturale, scegliendo ancora una volta di dare visibilità a realtà emergenti e di mescolare differenti linguaggi culturali.
Interagiranno con il pubblico gli ideatori di Ventuno12: un progetto web di condivisione creativa aperto ad artisti italiani più o meno noti invitati a pubblicare su una piattaforma online foto, video e testi entro e non oltre... la fine del mondo! Partendo dalla profezia maya relativa al prossimo 21.12.2012, il progetto fa leva sulla scaramanzia, sui clic e sulle tag, ma anche sulla volontà di tesorizzare, a livello virtuale, la ricchezza dei creativi. Per il lancio del contest, Ventuno12 sonorizzerà l’inaugurazione della personale di Trung Anh Vu in maniera del tutto originale: un tappeto visivo e sonoro si modificherà in tempo reale sulla base delle interazioni Twitter relative ad alcuni #hashtag inerenti la serata. Una performance che concettualmente si basa sull'idea di variabili aleatorie, ovvero parametri incontrollabili (il Twitter stream) che influiscono sulla generazione e manipolazione di contenuti audio e video.





Post popolari in questo blog

SPAZIO FERRAMENTA

Spazio Ferramenta è un progetto culturale indipendente che coinvolge un gruppo di cinque persone, la cui direzione artistica è a cura di Raffaella Bassi, affiancata da Francesca Arri e Verdiana Oberto.
Ferramenta è uno luogo già esistente la cui identità è mutata negli anni. Oggi è la sede privilegiata da Spazio Ferramenta, trasformata in spazio indipendente ove viene promossa la sperimentazione artistica e la contaminazione tra linguaggi contemporanei, mescolando gli ingredienti del nutrimento culturale.
Nell’attuale panorama sociale - caratterizzato da forti separazioni di gruppo che esaltano le categorizzazioni, gli arroccamenti e i contrasti -Spazio Ferramenta lancia un ribaltamento di prospettive basato sul confronto interdisciplinare. Laddove coesisteranno sguardi trasversali, contaminazioni e commistioni, lì si potranno generare nuove riflessioni. Spazio Ferramenta esplora i confini tra diverse narrazioni e, sulla sottile linea di separazione tra un linguaggio e un altro, costruis…

CHI SIAMO

Raffaella Bassi (Cividale del Friuli, 1974) 
Laureata in Conservazione dei Beni Culturali con master di Management dei Beni Culturali e Ambientali, attualmente segue la comunicazione in una istituzione museale torinese. Co-fondatrice e direttore artistico di Spazio Ferramenta.

Francesca Arri, (Asti 1983) 
Performer e artista visiva, laureata all’Accademia Albertina, La sua opera parte dall'azione dal vivo per arrivare alla ricerca e promozione di artisti e ricercatori nell'ambito dell'arte, della musica e della cultura contemporanea. Il suo lavoro è stato presentato in importanti vetrine internazionali tra cui Fondazione Hangar Bicocca, Milano, Fondazione Merz, Torino, Matadero-Madrid, Tel Aviv Museum of Art, 12th Istanbul Biennale, White Box Gallery New York, CAPA New York, E-Flux New York in collaborazione con Serpentine Gallery Londra, Kopfbau Basilea, Inter Art Gallery Pechino, Uninghen Berlino/Londra, Mart Dublino, Centro Cultural MAC Montevideo, Museo de las Mujeres Cor…

Spazio Ferramenta presenta: ALTROVE

Spazio Ferramenta
ALTROVE



Rebecca Agnes | Emanuele Basile | Elisabetta Quaglia

per Fo.To Fotografi a Torino del Museo Ettore Fico

Dal 3 maggio 2018 al 15 maggio 2018
Il viaggio ti porta altrove, è qualcosa di avventuroso e intimo. Spesso segna un cambiamento e quando ha termine ti lascia in qualche modo diverso: libero, consapevole e cresciuto.

La fotografia diventa il mezzo del racconto. Una forma di storyboard esistenziale, a cui ognuno è legato ad un proprio universo sensibile. I fotografi sono fruitori di storie, a volte le nostre altre le loro, la differenza è così sottile tanto da non distinguersi più lasciandoci coinvolgere dai loro racconti.

Il progetto tesse il filo di tre racconti in cui gli spettatori sono invitati a percorrerne la storia insieme all'autore. Si passerà dall'architettura fredda e metropolitana di Berlino tanto amata da Rebecca Agnes, ai caldi colori dell'India riportati da Emanuele Basile per poi ritrovarsi in quella che sembra un atmosfera famil…