Passa ai contenuti principali

AZIONE!


Azione!

Francesca Arri + Cinzia Ceccarelli
Michela Depetris
Andrea Gallo Rosso + Sara Simeoni
Stefania Lo Maglio
Emiliano Melis

A cura di Spazio Ferramenta
in collaborazione con
Torino+Piemonte Contemporary Art Blog

martedì 2 ottobre dalle ore 19
Ferramenta@sibir

Spazio Ferramenta propone per l’apertura del calendario autunnale un evento che conferma la propria vocazione: “In uno spazio di per sé insolito si alternano iniziative culturali ibride le cui caratteristiche imprescindibili sono l’elevata qualità artistica; la contaminazione tra diverse discipline; la sperimentazione”.
La serata del prossimo 2 ottobre sarà dedicata a una forma artistica tra le più interessanti del panorama contemporaneo: la performance ovvero un momento durante il quale l’azione dell’artista, il suo corpo e la relazione con il pubblico divengono opera d’arte.

Con “Azione!” Spazio Ferramenta invita alcuni artisti a indagare il tema della performance tramite discipline differenti: arte, danza e musica.
I diversi professionisti si fanno così interpreti di un linguaggio trasversale alle arti. La serata, organizzata in collaborazione con Torino+Piemonte Contemporary Art Blog, ospiterà le performance di Francesca Arri + Cinzia Ceccarelli (arte contemporanea), Michela Depetris (arte contemporanea), Andrea Gallo Rosso + Sara Simeoni (danza contemporanea), Stefania Lo Maglio (danza contemporanea), Emiliano Melis (music designer).

(Andrea Gallo Rosso, photo Angelo Bellotti)

Il linguaggio performativo ha attraversato tutto il XX secolo e ha avuto il suo momento aureo intorno agli anni ’70 in un periodo di forti cambiamenti sociali che, inevitabilmente, hanno influenzato le produzioni culturali. Da allora - in maniera discontinua nella storia culturale più recente - l’arte, il teatro, la danza e la musica si sono spesso mescolati nelle perfomance, negli happening, nelle action art…
Attraverso l’azione performativa, facendosi esso stesso opera d’arte, l’artista annulla la distanza temporale e concettuale tra il momento della creazione e quello della fruizione. La presenza del pubblico è funzionale non solo alla “visione” culturale, ma sancisce il riconoscimento del ruolo dell’artista, interprete e nel contempo opera. La performance è effimera, unica, limitata nella durata e condizionata dai fattori esogeni. Tali caratteristiche non fanno che rinnovare la sacralità dell’arte, consentendone però una prossimità fisica e un coinvolgimento irripetibile che ne riducono la tradizionale autoreferenzialità. Artista e pubblico si mettono in gioco in una relazione che li rende entrambi parte di un universo sensoriale condiviso.

Affinché il lavoro non si esaurisca in un’unica serata, le cinque performance di martedì 2 ottobre diventeranno altrettanti video, a cura di Torino+Piemonte Contemporary Art Blog, che verranno diffusi tramite i social media e proiettati per tre settimane in Spazio Ferramenta OFF (la vetrina di Spazio Ferramenta sita in via San Domenico 7).


BIO PERFORMER

Francesca Arri
Nel 2011 si laurea all’Accademia Albertina delle Belle Arti di Torino. Ha all’attivo numerose mostre collettive e personali, tra le quali il recente solo show presso la galleria Tonin di Torino; l progetto di residenza + mostra “Torino Anversa andata e ritorno” (Fondazione 107, Torino) e la residenza “Seven su Seven” (Banchina Molini, Forte Marghera). Utilizza il linguaggio dell’installazione e delle performance, portando avanti una significativa ricerca sul tema del corpo femminile. Tra le più recenti partecipazioni: “T.P.A.  Festival”, Città dell’arte Fondazione Pistoletto, Biella; “…e bellezza sia”, Fondazione 107; “Thirteen light movie”, Nur Gallery, Milano; “Maestri e giovani talenti dell’Accademia Albertina ad Istanbul”,12^ Biennale di Istanbul.

Cinzia Ceccarelli
Laureata all’Accademia Albertina delle Belle Arti di Torino ha partecipato a numerose collettive e personali facendosi conoscere in tutto il panorama nazionale: Torino, Milano, Cuneo, Cagliari, Vicenza e Venezia. La sua poetica ripone particolare attenzione ai temi della follia e del disagio psichico.
Tra le personali  si ricordano “Omnia tanquam  mortaes  timetis, omnia tanquam  immortales  concupiscitis”, Accademia Albertina di Belle Arti e “Sveglia Kundalini”, Fusion Art Gallery, entrambe a Torino. Ha partecipato a: “III Open Studio”, Banchina Molini, Forte Marghera Venezia; “Pulsart festival, Inside-me”, Palazzo Fogazzaro, Lanificio Conte, Vicenza; “…e bellezza sia”, Fondazione 107, Torino.

Michela Depetris
Vive e lavora tra Torino e Madrid, dopo la laurea presso l'Accademia Albertina di Belle Arti di Torino, ha conseguito il Master of Performing Arts and Visual Culture, presso il Reina Sofia Museum di Madrid. Ha inoltre collaborato con Bartolomè Ferrando nella coordinazione del VI Encuentro Enternaciònal de Performance nell’IVAM, a Valencia. Predilige il linguaggio della performance, del video e della fotografia istantanea. Tra le varie partecipazioni, si ricordano: T.P.A., Greenbox, Torino; HARTA PERFORMING FESTIVAL,Teatrino Reale, Monza; CITIZIEN SHIP, Giovane Fotografia Italiana 2012, Reggio Emilia; ACCION!MAD, Matadero, Madrid; EN TRANSITO, La Casa Encendida, Madrid;  PLATFORM YOUNG PERFORMANCE ARTISTS, Futgraben 3, Berlin; PERFORMANCE BEHANDLUNGSRAUM, Kunsthalle Frideritianum, Kassel.
                                                                                                                            
Andrea Gallo Rosso
Si forma in ambito contempornaeo principalmente in Italia (a Torino con F.Pagliassotto, C.Golin, M.C.Fontanelle) approfondendo con maestri internazionali quali Emio Greco, Ismael Yvo, Pedro Berdayes e Jose' Reches, Ivan Wolfe, David Zambrano. Nel 2010 e' selezionato per la “Vetrina Giovane Danza d'Autore-OFF” per il network nazionale Anticorpi, nel 2011 prende parte a ”international choreographic residency” presso lo Jerwood DanceHouse/danceEast (Ipswich-UK) all'interno del network internazionale Danse a Lille grazie al partner italiano Mosaicodanza. “Fermata Paradiso” (lavoro di videodanza, coregia Elena Maria Olivero e Andrea Gallo Rosso) vince il 3 premio de “La danza in un Minuto” di Coorpi (cordinamento danza Piemonte) ed e' inserito in Piedmont Movie gLocal FF. Partecipa con i propri lavori a festival e rassegne nazionali ed internazionali come: Interplay(Torino), CorpiUrbani(Genova), LaPiattaforma(Torino), International White Night (Skopje, Macedonia).

Stefania Lo Maglio
Danzatrice, insegnante e coreografa, pone al centro della sua ricerca il corpo e la sua fisiologia organica, le differenti densità del micromovimento e della sua relazione nello spazio, della sua espansione, considera essenziale lo stato di presenza e coscienza come fonte creativa e performativa.
Ha lavorato come interprete in diverse produzioni tra cui: “il giardino delle delizie” di Maurinne Fleming, “Riflessi” di Claude Coldy, “Rbmk” di Claudio Conti. Ha fatto parte della compagnia Eskenè diretta da Doriana Crema e del Mamu Dancetheatre diretta da Tadashi Endo. Nel 2004 crea 32dicembre, arti performative, con altri artisti. E' interprete e coreografa di “Magdalene” e di “Cuoresolo”.

Emiliano Melis
Music designer e artista poliedrico, vive e lavora tra Torino e New York.
Si è imposto al pubblico e alla critica per l’originalità e la ricerca poetica del suo lavoro attraverso la visione emotiva che caratterizza il suo progetto artistico. Ha pubblicato diversi cd e ha collaborato con musicisti ed arrangiatori del panorama musicale italiano e con vari personaggi legati al mondo dell’arte contemporanea, tra gli altri ha composto le musiche per il video artistico “Armistizio per l’Arte” presentato dalla Fondazione Thetis durante la 52° Biennale di Venezia e recentemente ha scritto le musiche per il nuovo progetto dell'artista Chia-Shan Lee presentato alla Kristin Hanson Gallery di New York.

Sara Simeoni
Danzatrice  e performer lavora dal 2005 nella compagnia di Carolyn Carlson danzando in: Inanna, Syncronichity, We Were Horses e Poetry Event. Sia in Italia che all'estero lavora e collabora con le compagnie: Aldes di Roberto Castello, Sosta Palmizi, Atacama, Fabio Ciccalè , Giuseppina Von Bingen, Irene K, Tanz Atelier Wien, Art Muov, Naturalis Labor. Si diploma all'Accademia Nazionale di Danza di Roma e nel 2002 frequenta l' Accademia Isola Danza di Venezia diretta da Carolyn Carlson e Coreographic Collision diretto da Ismael Ivo. Nel 1995 vince il premio come migliore interprete al concorso internazionale di danza Città di Rieti e Vignale Danza. Come insegnante ha tenuto seminari e corsi : Academie du Spectacle Equestre du Versaille diretta da Bartabas, KNUA Korean National University of The Arts a Seoul (Korea), IALS Roma, Duncan Roma, La Scatola dell'arte Roma, Residui Teatro Madrid, Dimora Coreografica Torino, Festival Zip Orvieto diretto da RossellaFiumi. Come coreografa ha creato lavori quali : Holy skin and lazy bastard, Don't crash in case of fire, Non Trascuro, Piani Invisibili e Puls Emotion.



Post popolari in questo blog

A Pièce of Paper

Spazio Ferramenta
presenta 
A pièce of paper
Perfomance di Francesca Arri e Gao Yuan
A cura di Sara Bortoletto e Spazio Ferramenta


4 novembre 2014, a partire dalle ore 19.30 















“ [...]il difficile e il facile si completano l'un l'altro;  l'alto e il basso si invertono l'un l'altro;  i suoni e la voce si armonizzano l'un l'altro;  il prima ed il dopo si seguono l'un l'altro”. Laozi, Daodejing, capitolo II 

Spazio Ferramenta, per l’appuntamento che si inserisce nel ricchissimo calendario della settimana torinese dedicata all’Arte Contemporanea, allarga la rete delle collaborazioni coinvolgendo giovani curatori e artisti internazionali. 

Spazio Ferramenta arriva a NY

INTIMATE TRANSGRESSIONS PROJECT INTERNATIONAL CONTEMPORARY ART EXHIBITION
presenta il video della performance  A pièce of paper 
di Francesca ArrieGao Yuan a cura di Sara Bortoletto Spazio Ferramenta



La mostra, che inaugurerà il 3 settembre 2015 a New York City, curata da Fion Gunn in collaborazione con Juan Puntes e presentata da CAPA (Center for Asian Pacific Affairs) e WhiteBox, trae spunto dal concetto di 'Comfort Women ' durante e dopo la seconda guerra mondiale. Alla vigilia del 70 ° anniversario della fine della guerra, il progetto di arti visive newyorchese si sviluppa lungo tutto il Novecento e l'inizio del nuovo millennio andando ad indagare, su un piano più ampio, la violenza contro le donne in tutto il mondo.
Maggiori INFO sul sito dedicato alla mostra
L'esposizione approderà a Beijing il 25 ottobre e a Shanghai il 21 novembre 2015



DOPODICHE' Stasera mi butto

Spazio Ferramenta per il Torino Fringe Festival
presenta DOPODICHE' Stasera mi butto

Generazione Disagio - Milano
dal 3 al 6 maggio ore 21 dal 7 all'11 maggio ore 19.30
via Bellezia 8g (ingresso dal ristorante Sibiriaki)
Di e con: Enrico Pittaluga, Graziano Sirressi, Alessandro Bruni Ocaña, Luca Mammoli Regia: Riccardo Pippa
Scene e Locandine: Duccio Mantellassi e Niccolò Masini

La vita è dura, c'è la crisi, c'è lo spread. E allora cosa ci rimane? Il suicidio? Si! Gioca anche tu a DOPODICHE': riversa i tuoi problemi su un personaggio e portalo al suicidio

Sappiamo chi sei. Tu sei un disagiato. Lo sai tu e lo sappiamo anche noi. Sappiamo quante energie sprechi per non farlo vedere. Fratello disagiato, basta. Il disagio non è un ostacolo sulla strada, il disagio è la strada. Non cercare di cambiare te stesso. Non cercare di apparire migliore. Accettati come sei: pigro, inetto, inconcludente, dispersivo, vile. Noi ti vogliamo bene così. Non preoccuparti: elimineremo assieme ogni sen…