Passa ai contenuti principali

FEEDBACK





FEEDBACK

Francesco Bocchini - Bartolomeo Migliore - Michael Rotondi
a cura di Martina Cavallarin


scatolabianca @ Spazio Ferramenta, Torino
dal 05 al 10 novembre 2013
dalle 20.00 alle 23.00


Finissage: domenica 10 novembre, ore 12.00 con Live Set di Diego Perrone e  brunch



scatolabianca viene accolta nello Spazio Ferramenta di Torino con un progetto sinuoso e complesso, articolato come il luogo che la ospita e interpretato dalle opere di 3 artisti italiani di caratura internazionale, Francesco Bocchini - Bartolomeo Migliore - Michael Rotondi

Il titolo della mostra è un’interferenza, un rumore di fondo, una controreazione a temperatura incostante come l’installazione a parete dal segno graffiante di Rotondi, i meccanismi rumorosi e stridenti di Bocchini, il lavoro black e underground di Migliore.


feedbackfìidbäk› (o feed-back) s. ingl. (pl., raro, feedbacksfìidbäks›), usato in ital. al masch. – Nel linguaggio tecn. e scient., termine equivalente all’ital. retroazione, che designa il processo per cui l’effetto risultante dall’azione di un sistema (meccanismo, circuito, organismo, ecc.) si riflette sul sistema stesso per variarne o correggerne opportunamente il funzionamento: feedbacks. positivo o negativo, secondo che si abbia, come risultato finale, l’intensificazione oppure l’attenuazione dell’effetto. In elettronica, feedback negativo è, in un amplificatore, il riporto di una parte del segnale di uscita di uno stadio qualunque all’ingresso di quello stadio o di uno stadio precedente, fatto allo scopo di stabilizzare l’amplificazione. Il termine si è diffuso anche in altre discipline -neurologia, linguistica, psicologia- per designare fenomeni di retroazione.

Il feedback acustico o di ritorno è il tipico fischio rimandato con potenza d’innesco nel circuito chiuso di un sistema che va dall’altoparlante agli strumenti elettrici e ritorno. L’interferenza non è percepibile dall’orecchio umano se non attraverso la presenza dei dispositivi. Così nell’arte tale processo va dall’artista, all’opera alla sua affermazione nel luogo d’esibizione per un continuo flusso di scambio dal privato al pubblico, dal singolare al plurale. La sua percezione è resa plausibile e conoscibile dall’esistenza dell’opera le cui condensazioni, rimozioni, dislocamenti intercederanno nello spazio sprigionando un’altra energia, irriconoscibile. Nella vicinanza tra positivo e negativo di nietzschiana memoria, solo per poco tale intensità apparirà una minaccia per rivelarsi invece un disordine che è solo denuncia di un altro ordine e di un’altra natura smascherando tutto ciò che è formale, dichiarato, corretto, stabilito. In quest’universo a clima variabile la difformità crea uno scarto e provoca l’opera che altro non è che un’impertinenza (1.), una necessità fisiologica e tale fisiologia dell’impertinenza è la più straordinaria delle imperfezioni possibili, è arte e vita insieme.
1.     Jean - François Lyotard, DISCORSO, FIGURA, Mimesis Edizioni, 2008.






FRANCESCO BOCCHINI
Nato a Cesena (Italia) nel 1969. Vive e lavora a Gambettola (Cesena).
La sua operatività si concentra su latte e ferri smaltati per produrre macchine dai marchingegni elementari. Meccanismi, installazioni, teche, disegni: lamiera di ferro dipinta a olio, un processo in equilibrio tra ironia, mistero e dramma. Dalla metà degli anni ’90 il suo lavoro è stato esposto in mostre personali e collettive in Italia e all’estero, in gallerie private e in spazi pubblici. La sua galleria di riferimento è Galleria L’Affiche, Milano.

BARTOLOMEO MIGLIORE
Nato a Santena, Torino (Italia) nel 1960, vive e lavora a Torino.
Attivo dalla metà degli anni novanta, mescola e sovrappone parole derivanti solitamente dalla scena musicale indipendente in tele, disegni, ma anche installazioni, composte con acrilici, spray e matite. Le sue gallerie di riferimento sono Galerie Luciano Fasciati, Chur, Svizzera e Galleria Pack, Milano.

MICHAEL ROTONDI
Nato a Bari (Italia) nel 1977. Vive e lavora a Milano. Il lavoro di Rotondi, attraverso la distorsione e la rielaborazione del carattere illustrativo e narrativo del disegno, riflette la sua epoca. Egli s’interroga sul rapporto tra musica contemporanea, memoria personale e tradizione popolare.
L’artista spesso crea degli altari votivi, dove dispone opere e disegni tracciati come note, appunti veloci, dai quali emerge la sua convinzione: ogni gesto è opera d’arte. Una sorta di accumulo di ricordi, dove lo spettatore s’immerge in una dimensione intima riflettente l’intreccio necessario tra arte e vita come opera. Gallerie di riferimento Area/B , Milano, Spazio Meme , Carpi (MO), Sakshi Gallery, Mumbai , India.



Contatti:
Roberta Donato PR e Ufficio Stampa
(+39) 340 1197983
www.scatolabianca.com
facebook.com/scatolabianca
twitter.com/scatolabianca
youtube.com/scatolabianca
pinterest.com/scatolabianca










Post popolari in questo blog

SPAZIO FERRAMENTA

Spazio Ferramenta è un progetto culturale indipendente che coinvolge un gruppo di cinque persone, la cui direzione artistica è a cura di Raffaella Bassi, affiancata da Francesca Arri e Verdiana Oberto.
Ferramenta è uno luogo già esistente la cui identità è mutata negli anni. Oggi è la sede privilegiata da Spazio Ferramenta, trasformata in spazio indipendente ove viene promossa la sperimentazione artistica e la contaminazione tra linguaggi contemporanei, mescolando gli ingredienti del nutrimento culturale.
Nell’attuale panorama sociale - caratterizzato da forti separazioni di gruppo che esaltano le categorizzazioni, gli arroccamenti e i contrasti -Spazio Ferramenta lancia un ribaltamento di prospettive basato sul confronto interdisciplinare. Laddove coesisteranno sguardi trasversali, contaminazioni e commistioni, lì si potranno generare nuove riflessioni. Spazio Ferramenta esplora i confini tra diverse narrazioni e, sulla sottile linea di separazione tra un linguaggio e un altro, costruis…

CHI SIAMO

Raffaella Bassi (Cividale del Friuli, 1974) 
Laureata in Conservazione dei Beni Culturali con master di Management dei Beni Culturali e Ambientali, attualmente segue la comunicazione in una istituzione museale torinese. Co-fondatrice e direttore artistico di Spazio Ferramenta.

Francesca Arri, (Asti 1983) 
Performer e artista visiva, laureata all’Accademia Albertina, La sua opera parte dall'azione dal vivo per arrivare alla ricerca e promozione di artisti e ricercatori nell'ambito dell'arte, della musica e della cultura contemporanea. Il suo lavoro è stato presentato in importanti vetrine internazionali tra cui Fondazione Hangar Bicocca, Milano, Fondazione Merz, Torino, Matadero-Madrid, Tel Aviv Museum of Art, 12th Istanbul Biennale, White Box Gallery New York, CAPA New York, E-Flux New York in collaborazione con Serpentine Gallery Londra, Kopfbau Basilea, Inter Art Gallery Pechino, Uninghen Berlino/Londra, Mart Dublino, Centro Cultural MAC Montevideo, Museo de las Mujeres Cor…

Spazio Ferramenta presenta: ALTROVE

Spazio Ferramenta
ALTROVE



Rebecca Agnes | Emanuele Basile | Elisabetta Quaglia

per Fo.To Fotografi a Torino del Museo Ettore Fico

Dal 3 maggio 2018 al 15 maggio 2018
Il viaggio ti porta altrove, è qualcosa di avventuroso e intimo. Spesso segna un cambiamento e quando ha termine ti lascia in qualche modo diverso: libero, consapevole e cresciuto.

La fotografia diventa il mezzo del racconto. Una forma di storyboard esistenziale, a cui ognuno è legato ad un proprio universo sensibile. I fotografi sono fruitori di storie, a volte le nostre altre le loro, la differenza è così sottile tanto da non distinguersi più lasciandoci coinvolgere dai loro racconti.

Il progetto tesse il filo di tre racconti in cui gli spettatori sono invitati a percorrerne la storia insieme all'autore. Si passerà dall'architettura fredda e metropolitana di Berlino tanto amata da Rebecca Agnes, ai caldi colori dell'India riportati da Emanuele Basile per poi ritrovarsi in quella che sembra un atmosfera famil…