Passa ai contenuti principali

Francesca Arri / La marcia della locusta The Others in Performance




Francesca Arri / La marcia della locusta TheOthers in Performance


video a cura della redazione di
Blog Contemporary Art Torino Piemonte




Francesca Arri ritorna a The Others Fair con una nuova performance dal titolo “La marcia della locusta“, dove protagonisti sono l’artista stessa e un gruppo di co-performer selezionati con una call pubblica e preparati attraverso un workshop della durata di tre giorni.


Il comportamento collettivo è tipico del mondo animale: estesi gruppi di animali, dai pesci agli uccelli, si muovono in branchi perfettamente coordinati tra loro tanto da formare un cervello collettivo che rende possibile il trasferimento di informazioni all’interno dello stesso gruppo. Il processo decisionale del branco è interconnesso – sia la locomozione che la sincronizzazione dei suoi elementi – tanto che, isolando un soggetto dal resto del gruppo, il soggetto in questione subirà un sensibile aumento del battito cardiaco e un senso di smarrimento tipico negli attacco di panico.
Il comportamento collettivo è altresì tipico dell’essere umano il quale si muove, pensa e decide alla stregua di un branco animale ed è verificabile nelle forme di socialità più spontanee – dal gruppo di amici i cui membri compiono gli stessi riti di passaggio – alle più complesse, che appoggiano o subiscono politiche di condivisione il più delle volte assurde.
Anche la locusta è un animale gregario che si muove in sciami: l’ottava Piaga d’Egitto si basa su una vera e propria invasione di questi insetti il cui effetto è quello di un enorme nuvola nera che oscura il sole e la cui voracità è così estrema da provocare una carestia.




Post popolari in questo blog

SPAZIO FERRAMENTA

Spazio Ferramenta è un progetto culturale indipendente che coinvolge un gruppo di cinque persone, la cui direzione artistica è a cura di Raffaella Bassi, affiancata da Francesca Arri e Verdiana Oberto.
Ferramenta è uno luogo già esistente la cui identità è mutata negli anni. Oggi è la sede privilegiata da Spazio Ferramenta, trasformata in spazio indipendente ove viene promossa la sperimentazione artistica e la contaminazione tra linguaggi contemporanei, mescolando gli ingredienti del nutrimento culturale.
Nell’attuale panorama sociale - caratterizzato da forti separazioni di gruppo che esaltano le categorizzazioni, gli arroccamenti e i contrasti -Spazio Ferramenta lancia un ribaltamento di prospettive basato sul confronto interdisciplinare. Laddove coesisteranno sguardi trasversali, contaminazioni e commistioni, lì si potranno generare nuove riflessioni. Spazio Ferramenta esplora i confini tra diverse narrazioni e, sulla sottile linea di separazione tra un linguaggio e un altro, costruis…

CHI SIAMO

Raffaella Bassi (Cividale del Friuli, 1974) 
Laureata in Conservazione dei Beni Culturali con master di Management dei Beni Culturali e Ambientali, attualmente segue la comunicazione in una istituzione museale torinese. Co-fondatrice e direttore artistico di Spazio Ferramenta.

Francesca Arri, (Asti 1983) 
Performer e artista visiva, laureata all’Accademia Albertina, La sua opera parte dall'azione dal vivo per arrivare alla ricerca e promozione di artisti e ricercatori nell'ambito dell'arte, della musica e della cultura contemporanea. Il suo lavoro è stato presentato in importanti vetrine internazionali tra cui Fondazione Hangar Bicocca, Milano, Fondazione Merz, Torino, Matadero-Madrid, Tel Aviv Museum of Art, 12th Istanbul Biennale, White Box Gallery New York, CAPA New York, E-Flux New York in collaborazione con Serpentine Gallery Londra, Kopfbau Basilea, Inter Art Gallery Pechino, Uninghen Berlino/Londra, Mart Dublino, Centro Cultural MAC Montevideo, Museo de las Mujeres Cor…

Spazio Ferramenta presenta: ALTROVE

Spazio Ferramenta
ALTROVE



Rebecca Agnes | Emanuele Basile | Elisabetta Quaglia

per Fo.To Fotografi a Torino del Museo Ettore Fico

Dal 3 maggio 2018 al 15 maggio 2018
Il viaggio ti porta altrove, è qualcosa di avventuroso e intimo. Spesso segna un cambiamento e quando ha termine ti lascia in qualche modo diverso: libero, consapevole e cresciuto.

La fotografia diventa il mezzo del racconto. Una forma di storyboard esistenziale, a cui ognuno è legato ad un proprio universo sensibile. I fotografi sono fruitori di storie, a volte le nostre altre le loro, la differenza è così sottile tanto da non distinguersi più lasciandoci coinvolgere dai loro racconti.

Il progetto tesse il filo di tre racconti in cui gli spettatori sono invitati a percorrerne la storia insieme all'autore. Si passerà dall'architettura fredda e metropolitana di Berlino tanto amata da Rebecca Agnes, ai caldi colori dell'India riportati da Emanuele Basile per poi ritrovarsi in quella che sembra un atmosfera famil…