Passa ai contenuti principali

Spazio Ferramenta arriva a NY


INTERNATIONAL CONTEMPORARY ART EXHIBITION

presenta il video della performance 
A pièce of paper 

di Francesca Arri e Gao Yuan 
a cura di Sara Bortoletto Spazio Ferramenta




La mostra, che inaugurerà il 3 settembre 2015 a New York City, curata da Fion Gunn in collaborazione con Juan Puntes e presentata da CAPA (Center for Asian Pacific Affairs) e WhiteBox, trae spunto dal concetto di 'Comfort Women ' durante e dopo la seconda guerra mondiale. Alla vigilia del 70 ° anniversario della fine della guerra, il progetto di arti visive newyorchese si sviluppa lungo tutto il Novecento e l'inizio del nuovo millennio andando ad indagare, su un piano più ampio, la violenza contro le donne in tutto il mondo.


L'esposizione approderà a Beijing il 25 ottobre e a Shanghai il 21 novembre 2015





Artisti in mostra
Andi Arnovitz (Israel), A.N.V.I.L. Art Collective (USA),  Niamh Cunningham (Ireland) Regina José Galindo (Guatemala), Anita Glesta (Australia/USA), Fion Gunn (Ireland), Nermine Hammam (Egypt), Jusuf Hadžifejzović (Bosnia & Herzegovina), Šejla Kamerić (Bosnia & Herzegovina), Teresa Margolles (Mexico), Elahe Massoumi (Iran/USA), Susana Pilar Delahante Matienzo (Cuba), Chen Meitsen Taiwan/France), Chen Qingqing (China), Atsuko Nakamura (Japan), Yoshiko Shimada (Japan), Gail Ritchie (NI), Xin Song (China), Michael Lisle-Taylor (UK), Ma Yanling & Wang Bingmi (China), Gao Yuan (Taiwan) in association with Francesca Arri (Italy), Jelena Tomasević (Montenegro)

Post popolari in questo blog

A Pièce of Paper

Spazio Ferramenta
presenta 
A pièce of paper
Perfomance di Francesca Arri e Gao Yuan
A cura di Sara Bortoletto e Spazio Ferramenta


4 novembre 2014, a partire dalle ore 19.30 















“ [...]il difficile e il facile si completano l'un l'altro;  l'alto e il basso si invertono l'un l'altro;  i suoni e la voce si armonizzano l'un l'altro;  il prima ed il dopo si seguono l'un l'altro”. Laozi, Daodejing, capitolo II 

Spazio Ferramenta, per l’appuntamento che si inserisce nel ricchissimo calendario della settimana torinese dedicata all’Arte Contemporanea, allarga la rete delle collaborazioni coinvolgendo giovani curatori e artisti internazionali. 

The beat of freedom - M. Cuscunà