Passa ai contenuti principali

Breathe Moves: Dancing with F. Bacon



Spazio Ferramenta presenta:

Breathe Moves: Dancing with F. Bacon

Martedì 17 maggio 2016, ore 19

Performance di Ambra Gatto Bergamasco e Ivan Bert
ispirata all’opera di Francis Bacon



Spazio Ferramenta, per la serata di martedì 17 maggio, ospita due artisti torinesi di fama internazionale, Ambra Gatto Bergamasco e Ivan Bert, per la preview di Moving Bodies Festival, kermesse di arti performative e danza Butoh che si svolgerà a Dublino dal 24 al 29 giugno 2016 e a Torino dal 3 al 18 luglio 2016 presso il Teatro Espace.

Ambra Gatto Bergamasco -danzatrice-performer e ideatrice del festival- e Ivan Bert -musicista e compositore- duetteranno nello spazio di via Bellezia per dare nuova vita all’opera pittorica di Francis Bacon in un’azione che lavora sui confini e i conflitti, lavorando attraverso l’uso del movimento, del suono e dell’immagine.
La volontà di approfondire la relazione tra danza, musica e immagine sta all’origine di questa prima assoluta, una performance che amplia il progetto iniziato da Ambra Gatto Bergamasco ‘Breathe Moves: Dancing with F.Bacon’. Questo nuovo lavoro si concentra sull’uso del respiro come micromovimento -o movimento sovrapposto- della danza butoh in dialogo con le sonorità sperimentali della tromba di Ivan Bert attorno all’opera pittorica in un perfetto sincretismo di linguaggi.
Un atto creativo che, per affermarsi, parte dal vuoto e al vuoto ritorna attraverso movimenti e suoni che giocano tra l’estrema lentezza ed il ritmo sincopato.





Moving Bodies è un festival dedicato al Butoh, danza contemporanea giapponese nata negli anni Cinquanta dal movimento giapponese Ankoku-butō  暗黒舞踏, ovvero "danza tenebrosa”.
La manifestazione quest’anno è dedicata ai temi "Differenza/Impollina la tua differenza - Difference/Own your Difference" -  omaggio a Simone Sandretti, Presidente di MAD PRIDE, creatore di Matti a Cottimo e artista visivo e performativo morto il 14 di Febbraio 2016.
Il festival porta in scena realtà artistiche locali ed internazionali e i grandi maestri della danza butoh, è caratterizzato dalla partecipazione attiva del pubblico ed è ricco di laboratori. movingbodiesbutohfestival.com



Ambra Gatto Bergamasco si forma dalla nascita con Ulla Alasjarvi e Beppe Bergamasco crescendo in un clima artistico culturale di arte teatrale internazionale. Dal teatro fisico e la danza ed il mimo, inizia nel 1998 il suo percoso formativo nella Danza Butoh. Dal 1998 inizia il suo percorso artisitico che la vede trasferirsi  a Dublino dove ad oggi dirige e cura il Moving Bodies Festival – Butoh e Live Art, appuntamento annuale che si svolge tra Dublino e Torino. Negli ultimi due anni Ambra haportato avanti la sua ricerca sul pittore Francis Bacon Gilles Deleuze attraverso l’uso del butoh che per l’artista significa lo sviluppo del corpo interno.



Ivan Bert, trombettista e compositore di ricerca. Dopo gli studi Universitari di Biologia si è diplomato col massimo dei voti al Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino in Musica Jazz discutendo una tesi sulla  "Evoluzione elettrica di Miles Davis" intitolata " Silences des Filles”. Ha una intensa attività di composizione dedicata alla Danza Contemporanea, al Teatro, agli ensemble orchestrali, alle Arti Contemporanee e alla sperimentazione scientifico-artistica per la quale collabora anche con AVIOSPACE ed INFN ( Istituto Nazionale di Fisica Nucleare ) allo sviluppo di performance artistiche ad alto contenuto tecnologico e sperimentale.





Spazio Ferramenta è un progetto culturale indipendente fondato nel 2010, un luogo votato alla sperimentazione che incoraggia il brain storming. Gli artisti selezionati e i curatori coinvolti sono invitati a “trasformarsi”, a giocare con se stessi e con il proprio lavoro, a confrontarsi con gli altri, ognuno utilizzando il linguaggio estetico che più gli appartiene. 
Gli artisti si fanno portavoce e interpreti della realtà che conoscono, che abitano, che masticano. Situazioni intimistiche e personali si alternano a rappresentazioni di conflitti mondiali; cibo, rito, musica, rumori, voci penetrano l'ambiente.

SPAZIO FERRAMENTA
via Bellezia 8/g
10122 Torino

Post popolari in questo blog

A Pièce of Paper

Spazio Ferramenta
presenta 
A pièce of paper
Perfomance di Francesca Arri e Gao Yuan
A cura di Sara Bortoletto e Spazio Ferramenta


4 novembre 2014, a partire dalle ore 19.30 















“ [...]il difficile e il facile si completano l'un l'altro;  l'alto e il basso si invertono l'un l'altro;  i suoni e la voce si armonizzano l'un l'altro;  il prima ed il dopo si seguono l'un l'altro”. Laozi, Daodejing, capitolo II 

Spazio Ferramenta, per l’appuntamento che si inserisce nel ricchissimo calendario della settimana torinese dedicata all’Arte Contemporanea, allarga la rete delle collaborazioni coinvolgendo giovani curatori e artisti internazionali. 

Spazio Ferramenta arriva a NY

INTIMATE TRANSGRESSIONS PROJECT INTERNATIONAL CONTEMPORARY ART EXHIBITION
presenta il video della performance  A pièce of paper 
di Francesca ArrieGao Yuan a cura di Sara Bortoletto Spazio Ferramenta



La mostra, che inaugurerà il 3 settembre 2015 a New York City, curata da Fion Gunn in collaborazione con Juan Puntes e presentata da CAPA (Center for Asian Pacific Affairs) e WhiteBox, trae spunto dal concetto di 'Comfort Women ' durante e dopo la seconda guerra mondiale. Alla vigilia del 70 ° anniversario della fine della guerra, il progetto di arti visive newyorchese si sviluppa lungo tutto il Novecento e l'inizio del nuovo millennio andando ad indagare, su un piano più ampio, la violenza contro le donne in tutto il mondo.
Maggiori INFO sul sito dedicato alla mostra
L'esposizione approderà a Beijing il 25 ottobre e a Shanghai il 21 novembre 2015



DOPODICHE' Stasera mi butto

Spazio Ferramenta per il Torino Fringe Festival
presenta DOPODICHE' Stasera mi butto

Generazione Disagio - Milano
dal 3 al 6 maggio ore 21 dal 7 all'11 maggio ore 19.30
via Bellezia 8g (ingresso dal ristorante Sibiriaki)
Di e con: Enrico Pittaluga, Graziano Sirressi, Alessandro Bruni Ocaña, Luca Mammoli Regia: Riccardo Pippa
Scene e Locandine: Duccio Mantellassi e Niccolò Masini

La vita è dura, c'è la crisi, c'è lo spread. E allora cosa ci rimane? Il suicidio? Si! Gioca anche tu a DOPODICHE': riversa i tuoi problemi su un personaggio e portalo al suicidio

Sappiamo chi sei. Tu sei un disagiato. Lo sai tu e lo sappiamo anche noi. Sappiamo quante energie sprechi per non farlo vedere. Fratello disagiato, basta. Il disagio non è un ostacolo sulla strada, il disagio è la strada. Non cercare di cambiare te stesso. Non cercare di apparire migliore. Accettati come sei: pigro, inetto, inconcludente, dispersivo, vile. Noi ti vogliamo bene così. Non preoccuparti: elimineremo assieme ogni sen…