Passa ai contenuti principali

Inaugura il 27 ottobre la prima edizione di NESXT






Inaugura il 27 ottobre la prima edizione di NEST

Inaugura il 27 ottobre a Torino la prima edizione di NEST, il festival sui centri di produzione artistica indipendente dedicato in questa prima edizione alla scena italiana .

Il festival fa parte del più ampio progetto NESXT, il network internazionale rivolto al panorama artistico no profit, tra associazioni, artist run space e collettivi: un ambito poco esplorato dal sistema dell’arte ufficiale ma estremamente dinamico e articolato, come hanno dimostrato le adesioni alla call, provenienti da tutto il territorio nazionale in una molteplicità di realtà vitali ed eterogenee.

Sede centrale del festival è Q35,  ex spazio industriale sito in Via Quittengo 35, dove avrà luogo l’esposizione ( show ) dei 20 spazi selezionati dal comitato scientifico, in una ricognizione che definisce una prima mappatura sulla dimensione della produzione indipendente  italiana.

I 20 progetti vincitori sono stati scelti sulla base dei criteri che informano l’identità stessa di NESXT, ovvero l’esplorazione libera di nuove e sperimentali pratiche relative agli aspetti della ricerca, della produzione, dell’esposizione, dell’associazionismo e della relazione con il pubblico. Centrali i valori della progettualità, intesa a 360°, e la capacità di ideare e dar vita a realtà di networking su più livelli. I progetti selezionati sono BOCS (Catania), Carico Massimo (Livorno), Cose Cosmiche (Milano), Current (Milano), Frequente (Milano), Giuseppefraugallery (Gonnesa - CI), Le Dictateur + B-tomic (Milano), Localedue (Bologna), Museo d’Inverno (Siena), N38E13 (Palermo), Ramdom (Lecce), Rave East Side Artists Residency (Trivignano U.se - UD), SPAZIENNE (Milano), Spazio Y ( Roma), Studio Corte 17 (Prato), Werkbank Lana (Bolzano), Wunderkammer (Trento), Wunderbar+Peninsula (Roma/Berlino), Zentrum (Varese), /77 (Milano).
Un’altra area del complesso è dedicata alla grafica d’arte ( graphic ), un focus realizzato con il supporto di personal media | agenzia di comunicazione,  che arricchisce la prima edizione del festival con una selezione di progetti liberi e visionari realizzati da collettivi ed editori indipendenti italiani, quali: Chicken Broccoli (Roma), Costola (Genova) + Fame (Roma), Elyron (Torino), Fondo A.A.V.V. (Biella), Presidio Artistico Circolare (Torino), Print About Me (Torino), Tuta (Torino), Venti Dita Studio (Torino).
Parallelamente Bodyteller, a cura di Francesca Arri, un programma di live a 360°, con performance, concerti, talk, visual, djset, video e workshop, prenderà vita nello spazio live di Q35, con ospiti italiani e internazionali, tra cui Sabrina Casadei (Roma) Clarinde Wesselink (Amsterdam), Mare di Dirac (T  orino),  Le DIctateur + B-tomic (Milano), Emanuele Vesci (Roma/Berlino), EX NUNC (L  ondra/Web), Vivian Chinasa Ezugha  (Nigeria/UK), VestAndPage ( Gemania/Italia), Le Ragazze del Porno (Italia), Tweedo e Dario Timpani (Torino), Gandalf e High Files  (Torino), Ambra Gatto Bergamasco e Edegar Fernando Starke (D  ublino/Berlino).

Nell'ambito del festival, domenica 6, è prevista anche una sessione di lavori del Forum Permanente dell'Arte contemporanea dedicata alle criticità dei progetti artistici community based.
Q35 ospiterà il festival dal 4 al 6 novembre,  mentre già a partire dal 27 ottobre si animerà il circuito off di NEST, che andrà a coinvolgere oltre 20 spazi culturali della città in una serie di mostre ed eventi; tra questi due collaborazioni internazionali con Istanbul Marsiglia , a esemplificare il network di relazioni che NESXT intende costruire tra le realtà italiane ed estere. Gli spazi coinvolti nel circuito off sono Almanac Inn , Autofocus/VANNI , Barriera , blank – spazio espostivo e/static, Fusion Art Gallery + Edizioni Inaudite , Galleria Moitre , Galo Art Gallery , Laboratorio Artistico Pietra | PASAJ (Istanbul), Libreria Bodoni/Spazio B , JestNcontemporary - TPS, Officina 500 | Galerie ambulante - Association ART’ccessible (Marsiglia), Phos –Centro Polifunzionale per la Fotografia e le Arti Visive , Progetto Diogene,Spaziobianco , Spazio BuonaseraSpazio Ferramenta , Teatro Baretti , Teatro “Gar(a)bato” o “piccolo piccolo” ,  Temporary Space Arteco, Torino Graphic Days , UltraSpazio coworking.

NEST, attraverso la mostra e il circuito cittadino, prende la forma di un grande evento condiviso che abbraccia la città e la presenta come unico spazio creativo multiforme, per stimolarlo e promuoverlo di fronte al pubblico internazionale della settimana di ContemporaryART Torino Piemonte: città laboratorio che diventa palcoscenico per nuove pratiche e sperimentazioni, come nella sua vocazione e identità. In questa ottica, oltre a coinvolgere gli spazi sopracitati, NEST ha avviato dei progetti di collaborazione con altre realtà progettuali come Spazio Ferramenta, Superbudda, Calista Record, Genau e Moving Bodies Festival,  oltre a operazioni di networking con soggetti indipendenti che realizzano iniziative artistiche nella settimana dell’arte contemporanea: DAMA (fiera di arte contemporanea che avrà luogo a Palazzo Saluzzo Paesana), theGIFER (festival di gif art che si articola in una serie di location cittadine) e Torino Graphic Days  (festival di grafica che avrà casa presso Toolbox).

Direzione artistica Olga Gambari; comitato scientifico: Lorenzo Balbi, Pietro Gaglianò, Andrea Lacarpia, Roberta Pagani, Giangavino Pazzola e Marco Scotini.


Conferenza stampa:

Superbudda – Via Valprato 68, Torino 20 ottobre 2016
ore 18.00

ORARI Q35 - Via Quittengo 35
Venerdì 4 Novembre - Opening 19.00 - 01.00
Sabato 5 novembre 17.00 - 1.00
Domenica 6 Novembre: 12.00 - 20.00
ingresso gratuito 




Post popolari in questo blog

SPAZIO FERRAMENTA

Spazio Ferramenta è un progetto culturale indipendente che coinvolge un gruppo di cinque persone, la cui direzione artistica è a cura di Raffaella Bassi, affiancata da Francesca Arri e Verdiana Oberto.
Ferramenta è uno luogo già esistente la cui identità è mutata negli anni. Oggi è la sede privilegiata da Spazio Ferramenta, trasformata in spazio indipendente ove viene promossa la sperimentazione artistica e la contaminazione tra linguaggi contemporanei, mescolando gli ingredienti del nutrimento culturale.
Nell’attuale panorama sociale - caratterizzato da forti separazioni di gruppo che esaltano le categorizzazioni, gli arroccamenti e i contrasti -Spazio Ferramenta lancia un ribaltamento di prospettive basato sul confronto interdisciplinare. Laddove coesisteranno sguardi trasversali, contaminazioni e commistioni, lì si potranno generare nuove riflessioni. Spazio Ferramenta esplora i confini tra diverse narrazioni e, sulla sottile linea di separazione tra un linguaggio e un altro, costruis…

CHI SIAMO

Raffaella Bassi (Cividale del Friuli, 1974) 
Laureata in Conservazione dei Beni Culturali con master di Management dei Beni Culturali e Ambientali, attualmente segue la comunicazione in una istituzione museale torinese. Co-fondatrice e direttore artistico di Spazio Ferramenta.

Francesca Arri, (Asti 1983) 
Performer e artista visiva, laureata all’Accademia Albertina, La sua opera parte dall'azione dal vivo per arrivare alla ricerca e promozione di artisti e ricercatori nell'ambito dell'arte, della musica e della cultura contemporanea. Il suo lavoro è stato presentato in importanti vetrine internazionali tra cui Fondazione Hangar Bicocca, Milano, Fondazione Merz, Torino, Matadero-Madrid, Tel Aviv Museum of Art, 12th Istanbul Biennale, White Box Gallery New York, CAPA New York, E-Flux New York in collaborazione con Serpentine Gallery Londra, Kopfbau Basilea, Inter Art Gallery Pechino, Uninghen Berlino/Londra, Mart Dublino, Centro Cultural MAC Montevideo, Museo de las Mujeres Cor…

Spazio Ferramenta presenta: ALTROVE

Spazio Ferramenta
ALTROVE



Rebecca Agnes | Emanuele Basile | Elisabetta Quaglia

per Fo.To Fotografi a Torino del Museo Ettore Fico

Dal 3 maggio 2018 al 15 maggio 2018
Il viaggio ti porta altrove, è qualcosa di avventuroso e intimo. Spesso segna un cambiamento e quando ha termine ti lascia in qualche modo diverso: libero, consapevole e cresciuto.

La fotografia diventa il mezzo del racconto. Una forma di storyboard esistenziale, a cui ognuno è legato ad un proprio universo sensibile. I fotografi sono fruitori di storie, a volte le nostre altre le loro, la differenza è così sottile tanto da non distinguersi più lasciandoci coinvolgere dai loro racconti.

Il progetto tesse il filo di tre racconti in cui gli spettatori sono invitati a percorrerne la storia insieme all'autore. Si passerà dall'architettura fredda e metropolitana di Berlino tanto amata da Rebecca Agnes, ai caldi colori dell'India riportati da Emanuele Basile per poi ritrovarsi in quella che sembra un atmosfera famil…