Passa ai contenuti principali

Spazio Ferramenta a Carlina On Stage

Carlina On Stage | Cinema Carlina








Il progetto
Trasformare una piazza in un teatro urbano en plein air dove l’arte incontra cinema,
performance e musica.

Carlina On Stage è il progetto che NESXT ha pensato per piazza Carlo Emanuele II, da sempre chiamata piazza Carlina, nel centro storico di Torino, che rinasce dopo due anni di lavori come un meraviglioso teatro urbano, un palcoscenico naturale adatto a ospitare una programmazione culturale multidisciplinare.

Si parte con Cinema Carlina, che il 19 e il 20 maggio 2017 farà vivere la piazza come una sala cinematografica, con produzioni diverse che esploreranno la video arte, il corto d’autore, il videoclip, le gif animate e la sonorizzazione live di film muti. Oltre alle proiezioni, la piazza si attiverà anche con performance e interventi di danza contemporanea. Il programma è il risultato di collaborazioni con TheGIFer-International Gif Art Festival, InBetweenArtFilm, SeeYouSound-International Music Film Festival, il Museo Nazionale del Cinema e INTERPLAY-International Contemporary Dance Festival.

Una sezione di Cinema Carlina sarà dedicata alla presentazione di video d’arte (con o senza sonoro) proposti da realtà progettuali della scena artistica indipendente italiana e internazionale, a cui si accede tramite una call aperta fino al 30 aprile.



Tra i video che parteciperanno alla call ne saranno selezionati 10 da un comitato formato da Lorenzo Balbi, Olga Gambari, Andrea Lacarpia e Roberta Pagani (NESXT), Federica Ceppa (curatrice di Seeyousound) e altre figure relative ai partner del progetto.



Post popolari in questo blog

A Pièce of Paper

Spazio Ferramenta
presenta 
A pièce of paper
Perfomance di Francesca Arri e Gao Yuan
A cura di Sara Bortoletto e Spazio Ferramenta


4 novembre 2014, a partire dalle ore 19.30 















“ [...]il difficile e il facile si completano l'un l'altro;  l'alto e il basso si invertono l'un l'altro;  i suoni e la voce si armonizzano l'un l'altro;  il prima ed il dopo si seguono l'un l'altro”. Laozi, Daodejing, capitolo II 

Spazio Ferramenta, per l’appuntamento che si inserisce nel ricchissimo calendario della settimana torinese dedicata all’Arte Contemporanea, allarga la rete delle collaborazioni coinvolgendo giovani curatori e artisti internazionali. 

Spazio Ferramenta arriva a NY

INTIMATE TRANSGRESSIONS PROJECT INTERNATIONAL CONTEMPORARY ART EXHIBITION
presenta il video della performance  A pièce of paper 
di Francesca ArrieGao Yuan a cura di Sara Bortoletto Spazio Ferramenta



La mostra, che inaugurerà il 3 settembre 2015 a New York City, curata da Fion Gunn in collaborazione con Juan Puntes e presentata da CAPA (Center for Asian Pacific Affairs) e WhiteBox, trae spunto dal concetto di 'Comfort Women ' durante e dopo la seconda guerra mondiale. Alla vigilia del 70 ° anniversario della fine della guerra, il progetto di arti visive newyorchese si sviluppa lungo tutto il Novecento e l'inizio del nuovo millennio andando ad indagare, su un piano più ampio, la violenza contro le donne in tutto il mondo.
Maggiori INFO sul sito dedicato alla mostra
L'esposizione approderà a Beijing il 25 ottobre e a Shanghai il 21 novembre 2015



DOPODICHE' Stasera mi butto

Spazio Ferramenta per il Torino Fringe Festival
presenta DOPODICHE' Stasera mi butto

Generazione Disagio - Milano
dal 3 al 6 maggio ore 21 dal 7 all'11 maggio ore 19.30
via Bellezia 8g (ingresso dal ristorante Sibiriaki)
Di e con: Enrico Pittaluga, Graziano Sirressi, Alessandro Bruni Ocaña, Luca Mammoli Regia: Riccardo Pippa
Scene e Locandine: Duccio Mantellassi e Niccolò Masini

La vita è dura, c'è la crisi, c'è lo spread. E allora cosa ci rimane? Il suicidio? Si! Gioca anche tu a DOPODICHE': riversa i tuoi problemi su un personaggio e portalo al suicidio

Sappiamo chi sei. Tu sei un disagiato. Lo sai tu e lo sappiamo anche noi. Sappiamo quante energie sprechi per non farlo vedere. Fratello disagiato, basta. Il disagio non è un ostacolo sulla strada, il disagio è la strada. Non cercare di cambiare te stesso. Non cercare di apparire migliore. Accettati come sei: pigro, inetto, inconcludente, dispersivo, vile. Noi ti vogliamo bene così. Non preoccuparti: elimineremo assieme ogni sen…